Icona app
Leggi TPI direttamente dalla nostra app: facile, veloce e senza pubblicità
Installa
Banner abbonamento
Cerca
Ultimo aggiornamento ore 14:28
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Stille
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Di Battista
Home » News

Lecco, poliziotto picchiato a sangue sul treno da persone senza biglietto: è in gravi condizioni

Immagine di copertina

L'uomo è stato pestato dopo che alcuni immigrati nigeriani, sprovvisti di biglietto, avevano aggredito verbalmente il controllore

Era intervenuto per difendere il capotreno, minacciato da alcuni immigrati nigeriani che viaggiavano sul convoglio senza biglietto, ed è stato preso a calci e pugni.

La vittima è un poliziotto di 40 anni originario di Verbania, e in forza alla Questura di Lecco. È stato ricoverato in ospedale: le sue condizioni sono gravi ma non dovrebbe essere in pericolo di vita.

Il violento pestaggio è avvenuto nel pomeriggio di domenica 6 maggio 2018 sul treno regionale 10853 che viaggiava da Milano, all’altezza di Arcore.

Tutto è iniziato quando il capotreno ha chiesto a un immigrato nigeriano il biglietto. L’uomo, sprovvisto del titolo di viaggio, ha iniziato a insultare il controllore e a infastidire anche gli altri passeggeri.

A quel punto è intervenuto il poliziotto cercando di riportare la calma, ma in pochi attimi è stato circondato e aggredito da un gruppo composto da una decina giovani nigeriani.

Il poliziotto è stato immobilizzato e picchiato brutalmente con calci e pugni. L’uomo ha perso moltissimo sangue. Gli aggressori sono poi fuggiti scendendo dal convoglio alla fermata di Carnate.

Il poliziotto, nonostante le gravi lesioni subite, non ha comunque perso conoscenza, ed è stato in grado di descrivere ai colleghi giunti sul posto i suoi aggressori. Gli stessi sono stati visti salire da alcuni testimoni su un altro treno, diretto in Valtellina.

È proprio su quest’ultimo convoglio che due autori del pestaggio sono stati arrestati. Si tratta di due immigrati nigeriani regolari di 24 e 25 anni.

Le forze dell’ordine li hanno arrestati dopo aver fatto fermare il treno su cui si erano rifugiati e aver bloccato le uscite. Ora i due nigeriani dovranno rispondere delle accuse di resistenza a pubblico ufficiale, tentata rapina e lesioni in concorso.

Lunedì 7 maggio è prevista a Lecco l’udienza di convalida dell’arresto. Le forze dell’ordine sono ora sulle tracce degli altri responsabili dell’aggressione. Secondo quanto riferito dai testimoni, infatti, il poliziotto sarebbe stato colpito da un gruppo composto da una decina di persone.

Nel frattempo, colleghi e familiari si sono stretti attorno al 40enne poliziotto. La speranza è che i traumi riportati non siano troppo gravi e che l’uomo possa riprendersi in tempi abbastanza rapidi.

Ti potrebbe interessare
Esteri / Bernie Madoff e lo schema Ponzi: muore a 82 anni il più grande truffatore della storia americana
News / L’italiana Alessandra Galloni sarà la prima donna a dirigere l’agenzia Reuters in 170 anni di storia
Economia / I giovani lanciano gli Stati Generazionali: “Diamo voce a chi voce non ha”
Ti potrebbe interessare
Esteri / Bernie Madoff e lo schema Ponzi: muore a 82 anni il più grande truffatore della storia americana
News / L’italiana Alessandra Galloni sarà la prima donna a dirigere l’agenzia Reuters in 170 anni di storia
Economia / I giovani lanciano gli Stati Generazionali: “Diamo voce a chi voce non ha”
News / In difesa dello “stupratore razzista Montanelli” (di Luca Telese)
News / Dillo con una poesia: oggi è la Giornata Mondiale della Poesia e questi versi vi faranno bene all’anima
News / Notizie di oggi: l'agenda quotidiana di TPI
News / Notizie di oggi: l'agenda quotidiana di TPI
News / Notizie di oggi: l'agenda quotidiana di TPI
News / Notizie di oggi: l'agenda quotidiana di TPI
News / Notizie di oggi: l'agenda quotidiana di TPI