Covid ultime 24h
casi +12.415
deceduti +377
tamponi +211.078
terapie intensive -17

Cenone di Natale, attenti al “parassita nascosto” nel pesce: cosa fare per mangiarlo senza rischi

Il rischio che il pesce servito sia contaminato da larve di Anisakis è molto alto. Ecco un guida per non correre rischi

Di TPI
Pubblicato il 15 Dic. 2018 alle 17:44 Aggiornato il 15 Dic. 2018 alle 17:45
0
Immagine di copertina

Il Cenone di Natale si avvicina. E, come ogni anno, sarà boom di vendite di pesce. E molte sono le ricette che prevedono in tavola del pescato crudo.

Ed è proprio qui, nel pesce crudo, che rischia di annidarsi quello che viene chiamato “parassita nascosto”.

Si tratta di una larva, chiamata Anisakis, che può contaminare qualsiasi tipo di pesce, sia venduto al supermercato che consumato al ristorante.

L’Anisakis è un genere di vermi nematodi parassiti che si trovano nell’acqua di mare. Di fatto, sono il cibo preferito dei piccoli crostacei che, a loro volta, sono la base della catena alimentare dei pesci che compriamo al supermercato.

È così che la larva rischi di passare dall’acqua del mare alle nostre tavole.

Il rischio, consumando pesce contaminato, è quello di contrarre un parassitosi chiamata anisakiasi la cui indivudazione a livello medico non è per nulla facile.

I sintomi, infatti, sono quelli classici di un qualsiasi malattia dell’apparato digerente: dolori addominali, nausea, vomito, diarrea.

Ma se i ristoranti che servono pesce hanno, o almeno dovrebbero avere, strumentazioni adeguate per annullare ogni fattore di rischio, a casa la cosa si fa più complicata.

Quanti di voi hanno un “abbattitore” a casa? Sicuramente in pochi. Ma nessun problema.

Pesce crudo | Cosa fare prima di mangiarlo

Per evitare ogni fattore di rischio e poter consumare pesce crudo senza preoccupazioni si può acquistare pesce crudo eviscerato e sfilettato: in questo caso le larve di Anisakis, lunghe tra 1 e 3 cm, possono essere viste a occhio nudo.

Ma l’unico modo per essere sicuri al 100% dell sicurezza del pesce crudo messo in tavola è quello di “abbatterlo”, uccidendo così qualsisi parrasita.

Pesce crudo | Come abbatterlo nel congelatore di casa

È sufficiente, quindi, mettere il pesce nel congeltore di casa per almeno 96 ore.

Nessun problema, invece, in caso di pesce cotto. Unica raccomandazione: porre attenzione ai tempi di cottura: un trancio di pesce spesso 3 centimetri, infatti, deve essere cotto per almeno 10 minuti a 60 gradi.

0
Accesso

Se non ricordi la tua password o in precedenza usavi un account social (Facebook, Google) per accedere, richiedi una nuova password.