Icona app
Leggi TPI direttamente dalla nostra app: facile, veloce e senza pubblicità
Installa
Banner abbonamento
Ultimo aggiornamento ore 06:19
Immagine autore
Lucarelli
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Di Battista
Home » News

Gli omofobi sono malati?

Immagine di copertina

Secondo uno studio di un docente dell'Università di Tor Vergata, le persone omofobe potrebbero essere esposte a disturbi mentali e, potenzialmente, a malattie gravi

L’omofobo è come un malato, va compreso, aiutato e curato”. A sostenerlo è il docente di sessuologia medica dell’università romana di Tor Vergata e presidente della Società Italiana di Andrologia e Medicina Sessuale, Emmanuele Jannini.

Se per secoli è stata l’omosessualità a essere considerata una malattia, oggi le cose sembrerebbero ribaltarsi.

Il professor Jannini è stato il primo al mondo a studiare l’omofobia in termini scientifici e a pubblicare i risultati del suo studio sul prestigioso giornale di sessuologia Journal of Sexual Medicine.

Dall’analisi dei test psicometrici su 560 studenti tra i 18 e i 30 anni dell’università dell’Aquila, il team di ricerca è arrivato a stabilire una relazione tra alcuni tratti della personalità e lo sviluppo dell’omofobia.

Ai ragazzi è stato chiesto di dare una valutazione da uno a cinque in base a quanto si trovavano in accordo sul contenuto delle frasi che venivano loro presentate. “Penso che gli omosessuali non dovrebbero lavorare con i bambini” e “Non mi importa l’orientamento sessuale dei miei amici” sono solo esempi delle asserzioni che gli studenti si sono trovati a leggere durante il test. Per non rendere palese il tipo di ricerca nella fase del raccoglimento dei dati, infatti, il team di lavoro ha mischiato queste frasi ad altre relative a temi diversi.

La messa a confronto dei dati della scheda di ogni singolo studente ha fatto emergere come personalità deboli, fragili e timorose siano le basi migliori per un possibile sviluppo di idee omofobe. Chi soffre di patologie che rivelano paura dei rapporti umani o insicurezza, insomma, svilupperà con più facilità sentimenti ostili contro i gay se è esposto a messaggi omofobi. 

Gli uomini che sono sono più colpiti da questo fenomeno rispetto alle donne. Questo avviene, secondo Jannini, perché l’identità di genere in loro è biologicamente più fragile e sono portati ad affermare la propria mascolinità per avere continue conferme. Queste reazioni sono provocate da paure e timori che possono sfociare anche nell’omofobia. 

Lo studio ha dimostrato che esiste una correlazione tra il rifiuto per i gay e alcune patologie potenzialmente gravi.

Nonostante non ci sia ancora la conferma di un rapporto causa-effetto diretto, l’omofobia pare collegata strettamente a misoginia, psicoticismo, fanatismo religioso, ipermascolinità e livelli incontrollati di rabbia, aggressività e ostilità.

Non si tratta, dunque, di una malattia nel senso clinico del termine, ma dato che l’emergere di essa è collegata a debolezze quasi patologiche, chi ne è caratterizzato, secondo il professor Jannini, deve essere trattato come se fosse un paziente, trattandosi di personalità deboli che reagiscono a queste proprie mancanze ricorrendo a comportamenti asociali se non, in alcuni casi estremi, violenti.

Ti potrebbe interessare
Esteri / Bernie Madoff e lo schema Ponzi: muore a 82 anni il più grande truffatore della storia americana
News / L’italiana Alessandra Galloni sarà la prima donna a dirigere l’agenzia Reuters in 170 anni di storia
Economia / I giovani lanciano gli Stati Generazionali: “Diamo voce a chi voce non ha”
Ti potrebbe interessare
Esteri / Bernie Madoff e lo schema Ponzi: muore a 82 anni il più grande truffatore della storia americana
News / L’italiana Alessandra Galloni sarà la prima donna a dirigere l’agenzia Reuters in 170 anni di storia
Economia / I giovani lanciano gli Stati Generazionali: “Diamo voce a chi voce non ha”
News / In difesa dello “stupratore razzista Montanelli” (di Luca Telese)
News / Dillo con una poesia: oggi è la Giornata Mondiale della Poesia e questi versi vi faranno bene all’anima
News / Notizie di oggi: l'agenda quotidiana di TPI
News / Notizie di oggi: l'agenda quotidiana di TPI
News / Notizie di oggi: l'agenda quotidiana di TPI
News / Notizie di oggi: l'agenda quotidiana di TPI
News / Notizie di oggi: l'agenda quotidiana di TPI