Cosa è successo il 3 dicembre nel mondo

Senza giri di parole

Di TPI
Pubblicato il 3 Dic. 2015 alle 18:25
0
Immagine di copertina

Nella notte tra il 2 e il 3 dicembre, il Regno Unito ha condotto i primi raid aerei in Siria contro l’Isis. I bombardamenti sono stati compiuti a poche ore dal voto del parlamento per autorizzare l’azione militare nel Paese.

– La polizia della California ha identificato i due autori della sparatoria avvenuta nel centro per disabili di San Bernardino uccisi durante la caccia all’uomo condotta dalle autorità. Si tratterebbe di un 28enne impiegato di contea e della sua compagna. Secondo l’Fbi i due erano collegati al terrorismo internazionale.

– Dal 2001 al 2013, negli Stati Uniti sarebbero morte 33mila persone a causa delle armi da fuoco. Le vittime delle sparatorie sarebbero più di quelle provocate da Aids, guerra, overdose e terrorismo messi insieme. Su TPI le dieci sparatorie che hanno scosso l’America dal 1999 a oggi. 

– Giovedì 3 dicembre più di 1.500 migranti sono stati tratti in salvo al largo delle coste libiche.

– L’autorità antidoping ha chiesto la squalifica per due anni per 26 atleti italiani che avrebbero eluso i controlli antidoping rendendosi irreperibili o non consegnando i campioni necessari alle analisi.

– In Cambogia un uomo che esercitava il mestiere di medico senza avere la licenza è stato condannato a 25 anni di carcere per aver infettato col virus dell’Hiv oltre 200 pazienti utilizzando le stesse siringhe per più persone.

– Il Pakistan ha rifiutato di accogliere 30 migranti a cui non era stato concesso di entrare in Grecia, perché secondo il governo sarebbero stati deportati illegalmente. 

– Gli allagamenti causati dalle forti piogge nel sud dell’India hanno reso inutilizzabili i servizi fondamentali come acqua corrente ed elettricità per tre milioni di persone. Le vittime delle alluvioni sarebbero almeno 269. 

– Secondo alcune immagini satellitari di un istituto di ricerca statunitense, la Corea del Nord starebbe scavando nuovi tunnel per i test nucleari. 

– L’atleta paralimpico Oscar Pistorius è stato dichiarato colpevole di omicidio volontario, reato per cui la pena minima è 15 anni. 

– Il presidente della Camera dei deputati del Brasile ha autorizzato l’apertura di una procedura di impeachment contro la presidentessa del Paese Dilma Rousseff, per la presunta manipolazione di conti pubblici.

– L’elettricità dell’Uruguay è per il 94,5 per cento prodotta da energia rinnovabile. Il Paese ha raggiunto questo obiettivo senza sussidi governativi. 

– Il leader dei Taliban in Afghanistan, Mullah Akhtar Mansoor, sarebbe stato gravemente ferito in una sparatoria in Pakistan

– Il governo turco ha istituito una commissione per stabilire se l’uomo che ha paragonato il presidente Recep Tayyip Erdoğan al personaggio del Signore degli anelli Gollum debba o meno essere punito con due anni di carcere. 

Segui TPI su Twitter (@tpi)  

Iscriviti alla newsletter  

0
Accesso

Se non ricordi la tua password o in precedenza usavi un account social (Facebook, Google) per accedere, richiedi una nuova password.