Icona app
Leggi TPI direttamente dalla nostra app: facile, veloce e senza pubblicità
Installa
Banner abbonamento
Cerca
Ultimo aggiornamento ore 14:28
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Stille
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Di Battista
Home » News

Rai, il governo ha scelto: Fabrizio Salini amministratore delegato e Marcello Foa presidente

Immagine di copertina

Il vicepremier Di Maio: "Basta raccomandati e parassiti, al via una nuova rivoluzione culturale"

Il governo ha scelto Fabrizio Salini, 52 anni, ex direttore de La7, come nuovo amministratore delegato della Rai e Marcello Foa, giornalista, come presidente.

L’annuncio è arrivato nel primo pomeriggio di venerdì 27 luglio 2018.

“Per il rinnovo del consiglio di amministrazione della Rai il ministro dell’Economia e delle Finanze, Giovanni Tria, ha proposto al Consiglio dei ministri i seguenti nominativi: Fabrizio Salini, indicandolo per la carica di amministratore delegato, e Marcello Foa per la carica di consigliere di amministrazione” si legge nella nota diffusa dal Tesoro.

Come spiegato qualche minuto dopo da Luigi Di Maio, vicepremier e ministro del Lavoro e dello Sviluppo economico, Foa verrà proposto come presidente. Per essere eletto servono i due terzi dei voti della commissione di vigilanza Rai.

“Abbiamo appena nominato i vertici della Rai. Oggi inizia una nuova rivoluzione culturale con i due nomi, Marcello Foa presidente e Fabrizio Salini ad, che su proposta del ministro Tria, il presidente del Consiglio e il Cdm hanno ritenuto all’altezza di questa grande sfida per liberarci dei raccomandati e dei parassiti”, ha dichiarato Di Maio ai cronisti.

Sulle nomine è intervenuto anche il premier Giuseppe Conte con un tweet: “Per la Rai abbiamo fatto le nostre scelte. Con Fabrizio Salini e Marcello Foa garantiamo il rilancio della principale industria culturale del Paese”.

L’annuncio del governo è stato accolto polemicamente dal Partito democratico.

“Nessuna nomina di garanzia: Salvini e Di Maio vanno contro la legge e militarizzano la Rai con una spartizione senza precedenti. Tria e Conte non pervenuti”, ha scritto su Facebook Michele Anzaldi, deputato dem e segretario della commissione di Vigilanza Rai.

“Il Pd voterà contro e farà battaglia dura con tutti i mezzi disponibili per difendere l’indipendenza dell’informazione”, ha aggiunto. “Foa è un fedelissimo di Salvini, mentre Salini è stato l’ad de La7 nel momento in cui la tv di Cairo si è trasformata in un lungo talk show filo M5s contro Renzi e il Pd”.

“Vogliono asservire il servizio pubblico alla loro lottizzazione selvaggia”, ha osservato Anzaldi.

Ti potrebbe interessare
Esteri / Bernie Madoff e lo schema Ponzi: muore a 82 anni il più grande truffatore della storia americana
News / L’italiana Alessandra Galloni sarà la prima donna a dirigere l’agenzia Reuters in 170 anni di storia
Economia / I giovani lanciano gli Stati Generazionali: “Diamo voce a chi voce non ha”
Ti potrebbe interessare
Esteri / Bernie Madoff e lo schema Ponzi: muore a 82 anni il più grande truffatore della storia americana
News / L’italiana Alessandra Galloni sarà la prima donna a dirigere l’agenzia Reuters in 170 anni di storia
Economia / I giovani lanciano gli Stati Generazionali: “Diamo voce a chi voce non ha”
News / In difesa dello “stupratore razzista Montanelli” (di Luca Telese)
News / Dillo con una poesia: oggi è la Giornata Mondiale della Poesia e questi versi vi faranno bene all’anima
News / Notizie di oggi: l'agenda quotidiana di TPI
News / Notizie di oggi: l'agenda quotidiana di TPI
News / Notizie di oggi: l'agenda quotidiana di TPI
News / Notizie di oggi: l'agenda quotidiana di TPI
News / Notizie di oggi: l'agenda quotidiana di TPI