Icona app
Leggi TPI direttamente dalla nostra app: facile, veloce e senza pubblicità
Installa
Banner abbonamento
Ultimo aggiornamento ore 20:48
Immagine autore
Lucarelli
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Di Battista
Home » News

La Nato gioca alla guerra in Sardegna

Immagine di copertina

Nell'ultimo mese, l'Italia è stata coinvolta in una simulazione bellica della Nato su vasta scala che ha causato diverse proteste

Il 6 novembre 2015 si conclude l’operazione Trident Juncture, un’esercitazione militare della Nato su vasta scala iniziata lo scorso 3 ottobre e che coinvolge forze militari dei 28 Paesi dell’Alleanza atlantica e di diversi suoi partner tra cui, per la prima volta, anche l’Ucraina.

Il senso di questa esercitazione è la simulazione da parte delle forze  Nato di una possibile reazione di fronte all’invasione di uno stato membro, che nella simulazione è stato identificato come Cerasia orientale. Sempre secondo quanto stabilito internamente per l’occasione, l‘intervento sarebbe “autorizzato” dall’Onu e volto a mettere in sicurezza il Paese.

L’esercitazione è divisa in due fasi: la prima, detta CPX, conclusasi il 16 ottobre, in cui viene simulata la preparazione dal punto di vista strategico dell’evento bellico, mentre la seconda, chiamata LIVEX, iniziata il 21 ottobre e che si conclude il 6 novembre, è un vero e proprio test sul campo delle forze della Nato: in altre parole, una guerra per finta.

Il numero di uomini dispiegati sul campo per la simulazione è stato ingente: i numeri parlano di 36mila militari, oltre 60 navi, sette sottomarini e 140 aerei.

L’esercitazione ha visto protagoniste 16 diverse locations, ma la simulazione sul campo ha coinvolto principalmente tre Paesi: la Spagna, il Portogallo e l’Italia.

Per quanto riguarda il nostro Paese, i luoghi chiamati in causa sono stati la base di Poggio Renatico in Emilia-Romagna, l’aeroporto di Trapani in Sicilia e, per la parte del LIVEX, e quindi di simulazione bellica vera e propria, le basi di Capo Teulada e Decimomannu in Sardegna.

In queste esercitazioni non è noto, per via del segreto militare, quali armi siano state usate, ma la stampa ha parlato di diversi ordigni esplosi presso il poligono di Capo Teulada e anche dell’uso dei missili anticarro Milan, un tipo di arma che contiene torio, un materiale radioattivo.

L’inquinamento nelle aree militari è regolarizzato dal decreto legge Galletti del 2014, che ha aumentato la possibilità di inquinare all’interno di caserme, basi militari e poligoni, equiparandole alle aree industriali.

Le operazioni militari svoltesi in Sardegna hanno scatenato diverse proteste. “Nei prossimi giorni la Sardegna, con il poligono di Teulada, sarà invasa, per terra e per mare, dalla Trident Juncture, la più imponente esercitazione militare degli ultimi anni” ha dichiarato alla vigilia dell’inizio dell’esercitazione il deputato di Sel Michele Piras.

Il 3 novembre si è svolta una manifestazione antimilitarista a Capo Teulada contro il programma Trident Juncture, nel corso della quale si sono verificati diversi scontri e circa una decina di attivisti sono riusciti a superare la recinzione della base e sono stati fermati dalla polizia.


Ti potrebbe interessare
Esteri / Bernie Madoff e lo schema Ponzi: muore a 82 anni il più grande truffatore della storia americana
News / L’italiana Alessandra Galloni sarà la prima donna a dirigere l’agenzia Reuters in 170 anni di storia
Economia / I giovani lanciano gli Stati Generazionali: “Diamo voce a chi voce non ha”
Ti potrebbe interessare
Esteri / Bernie Madoff e lo schema Ponzi: muore a 82 anni il più grande truffatore della storia americana
News / L’italiana Alessandra Galloni sarà la prima donna a dirigere l’agenzia Reuters in 170 anni di storia
Economia / I giovani lanciano gli Stati Generazionali: “Diamo voce a chi voce non ha”
News / In difesa dello “stupratore razzista Montanelli” (di Luca Telese)
News / Dillo con una poesia: oggi è la Giornata Mondiale della Poesia e questi versi vi faranno bene all’anima
News / Notizie di oggi: l'agenda quotidiana di TPI
News / Notizie di oggi: l'agenda quotidiana di TPI
News / Notizie di oggi: l'agenda quotidiana di TPI
News / Notizie di oggi: l'agenda quotidiana di TPI
News / Notizie di oggi: l'agenda quotidiana di TPI