Icona app
Leggi TPI direttamente dalla nostra app: facile, veloce e senza pubblicità
Installa
Banner abbonamento
Cerca
Ultimo aggiornamento ore 09:58
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Stille
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Di Battista
Immagine autore
Guida Bardi
Home » News

Nadia Murad, ex schiava yazida dell’Isis, ha vinto il premio donna dell’anno

Immagine di copertina

Il premio è assegnato dal Consiglio regionale della Valle d'Aosta. Murad ha ricevuto altri importanti riconoscimenti internazionali dall'Onu e dal Consiglio europeo

Nadia Murad, la giovane donna yazida rapita dall’Isis all’età di 19 anni e fuggita dalla schiavitù sessuale, ha ricevuto un altro riconoscimento per il suo impegno nella sensibilizzazione sul genocidio della sua gente dopo quelli assegnateli dalle Nazioni Unite, che l’hanno nominata Ambasciatrice di buona volontà, e dal Consiglio europeo, che le ha conferito il premio Vaclav Havel per i diritti umani.

Il Consiglio regionale della Valle d’Aosta ha infatti scelto la 23enne irachena come “Donna dell’anno”, assegnandole una medaglia del presidente della Repubblica e 25mila euro.

Il premio internazionale, arrivato alla sua 18esima edizione, è promosso non solo dalla Regione Valle d’Aosta ma anche dal Soroptimist International Club Valle d’Aosta e patrocinato dalla Camera dei deputati e dal ministero degli Affari esteri con il contributo della Fondazione Crt

La giuria ha commentato così la sua scelta:

“Gli occhi di Nadia fissano l’interlocutore che ha davanti e, senza bisogno di parole, raccontano di dolori inauditi, di lutti, di ferite che non si possono rimarginare. Raccontano di un popolo sterminato, di uomini uccisi e di donne che invocano la morte per essere finalmente alleviate da tutte le atrocità. Una volta scampata a queste torture, Nadia avrebbe potuto chiudere gli occhi ed evocare l’oblio. Invece i suoi occhi sono sempre restati ben aperti sul mondo, perché ciò che è successo non venga dimenticato e non si ripeta. E così ha deciso di far sentire la propria voce, di dare il proprio volto per questa missione di difesa e riscatto della sua comunità, in un’infaticabile attività di sensibilizzazione. Trasformando la paura in coraggio, la schiavitù in ribellione, la fuga in opportunità, Nadia Murad incarna il cambiamento e con la sua testimonianza di vita ci insegna la dignità di non chiudere gli occhi e di combattere per i propri valori”.

La premiazione si è svolta ad Aosta presso il teatro Splendor, sabato 12 novembre 2016.

— LEGGI ANCHE: La storia di Nadia Murad

Ti potrebbe interessare
News / Un servizio per chi è solo a Natale: dal 24 al 26 dicembre chiama Telefono Amico
Esteri / Bernie Madoff e lo schema Ponzi: muore a 82 anni il più grande truffatore della storia americana
News / L’italiana Alessandra Galloni sarà la prima donna a dirigere l’agenzia Reuters in 170 anni di storia
Ti potrebbe interessare
News / Un servizio per chi è solo a Natale: dal 24 al 26 dicembre chiama Telefono Amico
Esteri / Bernie Madoff e lo schema Ponzi: muore a 82 anni il più grande truffatore della storia americana
News / L’italiana Alessandra Galloni sarà la prima donna a dirigere l’agenzia Reuters in 170 anni di storia
Economia / I giovani lanciano gli Stati Generazionali: “Diamo voce a chi voce non ha”
News / In difesa dello “stupratore razzista Montanelli” (di Luca Telese)
News / Dillo con una poesia: oggi è la Giornata Mondiale della Poesia e questi versi vi faranno bene all’anima
News / Notizie di oggi: l'agenda quotidiana di TPI
News / Notizie di oggi: l'agenda quotidiana di TPI
News / Notizie di oggi: l'agenda quotidiana di TPI
News / Notizie di oggi: l'agenda quotidiana di TPI