Banner donazione
Ultimo aggiornamento ore 10:59
Immagine autore
Lucarelli
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Di Battista
Home » News

“Hanno rubato le opere di Banksy”: gli street artist contro il Museo delle culture di Milano | VIDEO

Artisti “di strada” in rivolta contro la mostra di Banksy al Mudec di Milano. L’ultimo blitz contro l’esposizione al Museo delle Culture è stato effettuato da Cristina Donati Meyer.

All’esterno del Mudec l’artista ha affisso un disegno che ritrae la Banda Bassotti per denunciare la “privatizzazione dell’arte pubblica”.

L’obiettivo dell’artista non è solo denunciare il “furto” e “l’appropriazione privata delle opere pubbliche” realizzate dall’artista “invisibile”, ma dedicare un tributo al più famoso street artist del mondo.

“Collezionisti, trafficanti d’arte senza scrupoli, galleristi e musei di tutto il mondo fanno a gara nell’organizzazione di mostre clandestine legalizzate con le opere di Banksy rubate dai muri” denuncia l’artista. 

“Sono gli stessi, con le pubbliche autorità, che considerano i graffiti, la street art e l’arte pubblica, un crimine da perseguire, salvo scoprire un autore quotato milioni e rubare la sua arte rinchiudendola in quattro sontuose e polverose mura: l’antitesi dell’arte pubblica”.

Per Cristina Donati Meyer “ha ragione Banksy: l’arte deve essere contro il potere e dare fastidio allo status quo, altrimenti non è arte”.

Bansky in mostra al Mudec di Milano

Fino al 14 aprile è aperta la mostra, non autorizzata, di Banksy dal titolo “A Visual protest. The art of Banksy”.

Oltre 70 lavori tra dipinti, sculture e stampe dell’artista inglese, corredati di oggetti, fotografie e video, raccontano attraverso uno sguardo retrospettivo i lavori e il pensiero di Banksy. 

Le opere d’arte sono disposte per genere e tema: si passa quindi dalla serialità di quei lavori ispirati a Andy Warhol – come ad esempio i ritratti di Kate Moss come quelli di Marilyn o le serie Tesco in cui l’artista di Bristol usa il marchio della grande catena di distribuzione britannica modello Campbell’s Soup – alla serie di opere note in cui Banksy ha aggiunto elementi propri che ne modificano il significato.

Inoltre c’è la sezione video in cui vengono mostrati tutti i murales dello street artist, sia quelli ancora esistenti che quelli andati purtroppo scomparsi.

Ti potrebbe interessare
Esteri / Bernie Madoff e lo schema Ponzi: muore a 82 anni il più grande truffatore della storia americana
News / L’italiana Alessandra Galloni sarà la prima donna a dirigere l’agenzia Reuters in 170 anni di storia
Economia / I giovani lanciano gli Stati Generazionali: “Diamo voce a chi voce non ha”
Ti potrebbe interessare
Esteri / Bernie Madoff e lo schema Ponzi: muore a 82 anni il più grande truffatore della storia americana
News / L’italiana Alessandra Galloni sarà la prima donna a dirigere l’agenzia Reuters in 170 anni di storia
Economia / I giovani lanciano gli Stati Generazionali: “Diamo voce a chi voce non ha”
News / In difesa dello “stupratore razzista Montanelli” (di Luca Telese)
News / Dillo con una poesia: oggi è la Giornata Mondiale della Poesia e questi versi vi faranno bene all’anima
News / Notizie di oggi: l'agenda quotidiana di TPI
News / Notizie di oggi: l'agenda quotidiana di TPI
News / Notizie di oggi: l'agenda quotidiana di TPI
News / Notizie di oggi: l'agenda quotidiana di TPI
News / Notizie di oggi: l'agenda quotidiana di TPI