Icona app
Leggi TPI direttamente dalla nostra app: facile, veloce e senza pubblicità
Installa
Banner abbonamento
Ultimo aggiornamento ore 15:34
Immagine autore
Lucarelli
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Di Battista
Home » News

È morto il boss di Cosa Nostra Bernardo Provenzano

Immagine di copertina

Aveva 83 ed era in carcere da 10, dopo una latitanza di 43 anni

Il boss di Cosa Nostra Bernardo Provenzano è morto all’età di 83 anni. Era in carcere dal 2006, dopo una latitanza di 43 anni. Fu arrestato in una masseria di Corleone. Era malato da tempo. Il capomafia era detenuto al regime di 41 bis a Parma, ma due anni fa era stato trasferito a Milano, nel reparto ospedaliero di San Vittore per le cure di cui aveva bisogno per il suo cancro alla vescica, ma nonostante le ripetute richieste, non era mai stato revocato il regime di carcere duro. 

Negli ultimi rapporti i medici lo avevano dichiarato “incompatibile con il regime carcerario”. L’avvocato del boss, Rosalba Di Gregorio, aveva chiesto senza successo, la revoca del regime carcerario duro, a causa delle condizioni di salute.

Era nato a Corleone nel 1933 ed è stato a capo dell’organizzazione criminale siciliana dal 1993 al suo arresto. Da quando divenne capo di Cosa Nostra pose fine al periodo dello stragismo perché era convinto che la mafia potesse essere più efficace infiltrandosi all’interno della società. Il suo soprannome era Binnu u’ Tratturi, Bernardo il trattore, per i suoi metodi cruenti.  

Era stato condannato a 3 ergastoli. Nel 2012 aveva tentato il suicidio con una busta di plastica intorno alla testa. 

Ti potrebbe interessare
Esteri / Bernie Madoff e lo schema Ponzi: muore a 82 anni il più grande truffatore della storia americana
News / L’italiana Alessandra Galloni sarà la prima donna a dirigere l’agenzia Reuters in 170 anni di storia
Economia / I giovani lanciano gli Stati Generazionali: “Diamo voce a chi voce non ha”
Ti potrebbe interessare
Esteri / Bernie Madoff e lo schema Ponzi: muore a 82 anni il più grande truffatore della storia americana
News / L’italiana Alessandra Galloni sarà la prima donna a dirigere l’agenzia Reuters in 170 anni di storia
Economia / I giovani lanciano gli Stati Generazionali: “Diamo voce a chi voce non ha”
News / In difesa dello “stupratore razzista Montanelli” (di Luca Telese)
News / Dillo con una poesia: oggi è la Giornata Mondiale della Poesia e questi versi vi faranno bene all’anima
News / Notizie di oggi: l'agenda quotidiana di TPI
News / Notizie di oggi: l'agenda quotidiana di TPI
News / Notizie di oggi: l'agenda quotidiana di TPI
News / Notizie di oggi: l'agenda quotidiana di TPI
News / Notizie di oggi: l'agenda quotidiana di TPI