Icona app
Leggi TPI direttamente dalla nostra app: facile, veloce e senza pubblicità
Installa
Banner abbonamento
Ultimo aggiornamento ore 18:36
Immagine autore
Lucarelli
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Di Battista
Home » News

Milano, sgominata banda di spacciatori. Incastrati dalla parola d’ordine: “Berlusconi”

Immagine di copertina

Mandato di arresto per traffico internazionale di stupefacenti per undici persone. Tre però sono ancora in fuga

La loro parola chiave: “Berlusconi”. Per undici spacciatori, accusati di traffico internazionale di stupefacenti, è scattato il mandato di arresto per traffico internazionale di droga.

Per parlare tra di loro avevano inventato un ingegnoso sistema di crittografia, usando una parola di dieci lettere tutte diverse. E ad ogni lettera era associato un numero. In questo modo si passavano informazioni e contatti. La parola era “Berlusconi”.

Lo ha scoperto la squadra Mobile di Milano, nell’indagine “Brave Heart” che ha portato al mandato di arresto a carico di 11 persone per traffico internazionale di stupefacenti: di questi tre sono ancora in fuga.

L’organizzazione, divisa in due gruppi, gestiva un grosso traffico di cocaina dall’Olanda, destinata al mercato di Milano. Durante l’indagine, durata circa due anni – da fine 2016 ad oggi – la polizia ha sequestrato oltre 40 chili di cocaina pura al 92%, che venduta al dettaglio può valere oltre 4 milioni di euro.

Droga dall’Olanda in Italia

Dall’Olanda venivano fatte partire le auto che facevano da corriere, di solito di media cilindrata, e modificate apposta per contenere il carico di panetti e soldi.

Contrariamente a quanto solitamente avviene, ovvero l’utilizzo di manodopera straniera per i lavori più “umili e pericolosi” come il trasporto, in questo caso i capi albanesi incaricavano corrieri italiani di fare viaggi attraverso il Belgio o la Germania, per portare i carichi verso la piazza di spaccio di Milano.

Quasi sempre si trattava di autotrasportatori anziani e insospettabili, che avrebbero passato indenni i controlli alle frontiere. A meno di non essere stati posti sotto indagine: nelle auto seguite dai poliziotti sono stati scoperti sistemi di GPS installati nel cruscotto che davano ai capi la possibilità di seguire minuito per minuto il tragitto dell’auto.

Ti potrebbe interessare
Esteri / Bernie Madoff e lo schema Ponzi: muore a 82 anni il più grande truffatore della storia americana
News / L’italiana Alessandra Galloni sarà la prima donna a dirigere l’agenzia Reuters in 170 anni di storia
Economia / I giovani lanciano gli Stati Generazionali: “Diamo voce a chi voce non ha”
Ti potrebbe interessare
Esteri / Bernie Madoff e lo schema Ponzi: muore a 82 anni il più grande truffatore della storia americana
News / L’italiana Alessandra Galloni sarà la prima donna a dirigere l’agenzia Reuters in 170 anni di storia
Economia / I giovani lanciano gli Stati Generazionali: “Diamo voce a chi voce non ha”
News / In difesa dello “stupratore razzista Montanelli” (di Luca Telese)
News / Dillo con una poesia: oggi è la Giornata Mondiale della Poesia e questi versi vi faranno bene all’anima
News / Notizie di oggi: l'agenda quotidiana di TPI
News / Notizie di oggi: l'agenda quotidiana di TPI
News / Notizie di oggi: l'agenda quotidiana di TPI
News / Notizie di oggi: l'agenda quotidiana di TPI
News / Notizie di oggi: l'agenda quotidiana di TPI