Icona app
Leggi TPI direttamente dalla nostra app: facile, veloce e senza pubblicità
Installa
Banner abbonamento
Cerca
Ultimo aggiornamento ore 18:05
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Stille
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Di Battista
Home » News

Migranti, il no della Tunisia a Salvini: “Nessun rimpatrio fuori dagli accordi”

Immagine di copertina
Il ministro degli Interni Matteo Salvini

"Lì non c'e' guerra e non c'è carestia" ribadisce il ministro degli Interni. Martedì incontro decisivo

Migranti, il no della Tunisia a Salvini: “Nessun rimpatrio fuori dagli accordi”

“Stiamo lavorando sui flussi migratori in arrivo dalla Tunisia. Martedì avrò un incontro a Roma, lì non c’è guerra e non c’è carestia e non si capisce perché barchini o barconi devono partire dalla Tunisia e arrivare in Italia”. Il virgolettato è di ministro dell’Interno Matteo Salvini che ribadisce la posizione sua e del governo a margine di un evento a Milano.

Il leader della Lega ha chiarito anche la questione in merito ai rimpatri con voli charter: “Ci stiamo lavorando. Siamo a lavoro anche per cambiare accordi che altri ci hanno lasciato che non sono assolutamente soddisfacenti. Voli charter già ne partono per la Tunisia settimanalmente, l’importante è che ne partano di più e con più gente a bordo”.

Tunisia a Salvini, arriva il no sui rimpatri

La risposta della Tunisia non si è fatta attendere. Scrive Repubblica:

“La Tunisia ha detto no a procedure velocizzate e a rientri diversi da quelli previsti dagli accordi in atto che limitano ad 80 il numero di persone da rispedire indietro con due voli charter due volte a settimana”.

Occhi puntati quindi ora sulla situazione dei 184 tunisini arrivati venerdì mattina a Lampedusa su sette imbarcazioni, i quali, nonostante l’annuncio di Salvini che pretendeva l’intervento di Malta per fermarli, dovranno attendere per il rimpatrio.

Qualora i migranti intendessero presentare domanda d’asilo, prima di un rimpatrio concordato, vanno infatti esaminate le istanze per non rischiare una condanna dalle Corti internazionali per i Diritti dell’Uomo.

Al momento i 184 sono stati trasferiti a Trapani per le ordinarie procedure di identificazione e si metteranno in fila con tutti coloro che ancora restano da riportare “a casa”, più di 1.800 dei 3.500 arrivati quest’anno e giudicati irregolari dalle commissioni.

Resta confermato l’incontro a Roma tra il ministro degli Interni italiano e il collega tunisino Hichem Fourati per affrontare più nel dettaglio la questione. Ma la tensione resta comunque alta.

Ti potrebbe interessare
Esteri / Bernie Madoff e lo schema Ponzi: muore a 82 anni il più grande truffatore della storia americana
News / L’italiana Alessandra Galloni sarà la prima donna a dirigere l’agenzia Reuters in 170 anni di storia
Economia / I giovani lanciano gli Stati Generazionali: “Diamo voce a chi voce non ha”
Ti potrebbe interessare
Esteri / Bernie Madoff e lo schema Ponzi: muore a 82 anni il più grande truffatore della storia americana
News / L’italiana Alessandra Galloni sarà la prima donna a dirigere l’agenzia Reuters in 170 anni di storia
Economia / I giovani lanciano gli Stati Generazionali: “Diamo voce a chi voce non ha”
News / In difesa dello “stupratore razzista Montanelli” (di Luca Telese)
News / Dillo con una poesia: oggi è la Giornata Mondiale della Poesia e questi versi vi faranno bene all’anima
News / Notizie di oggi: l'agenda quotidiana di TPI
News / Notizie di oggi: l'agenda quotidiana di TPI
News / Notizie di oggi: l'agenda quotidiana di TPI
News / Notizie di oggi: l'agenda quotidiana di TPI
News / Notizie di oggi: l'agenda quotidiana di TPI