Icona app
Leggi TPI direttamente dalla nostra app: facile, veloce e senza pubblicità
Installa
Banner abbonamento
Ultimo aggiornamento ore 19:59
Immagine autore
Lucarelli
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Di Battista
Home » News

Mercoledì delle Ceneri 2019: data, significato, liturgia. Inizia la Quaresima

Immagine di copertina

Quest'anno il periodo penitenziale inizia il 6 marzo

Oggi, 6 marzo 2019, è il mercoledì delle Ceneri. Ma cosa significa per i cristiani questo giorno? Cosa si celebra? Qual è il significato? In molti associano le Ceneri soltanto all’inizio del periodo di digiuno prima di Pasqua, durante il quale si evita di mangiare carne. Ma vediamo nel dettaglio cos’è il mercoledì delle Ceneri e perché è così importante all’interno dell’anno liturgico.

Con il mercoledì delle Ceneri si entra ufficialmente nella Quaresima, il periodo penitenziale che precede la Santa Pasqua. È il giorno che chiude ufficialmente le festività del Carnevale e, anzi, delinea un punto di rottura rispetto al periodo precedente: dall’allegria delle feste in maschera si passa infatti a un momento di pura riflessione sull’esistenza umana e sull’inferiorità dell’uomo rispetto a Dio.

Mercoledì delle Ceneri 2019 | La data

Come già anticipato, quest’anno le Ceneri cadono il 6 marzo. Ma perché proprio questo giorno? Quella che si festeggia oggi è una ricorrenza mobile, la cui data varia ogni anno in base al calcolo della Pasqua (che a sua volta cade la domenica successiva alla prima luna piena di primavera).

Ogni anno il mercoledì delle Ceneri cade 46 giorni prima della Pasqua. Quest’anno, le festività pasquali sono previste per il 21 aprile. Dunque, le Ceneri cadono il 6 marzo.

Perché proprio 46 giorni? Dal nome “Quaresima”, siamo portati a pensare che questo periodo duri 40 giorni, per celebrare il tempo che Gesù passò nel deserto. Eppure, all’interno del periodo penitenziale della Quaresima, le domeniche non vengono considerate parte del digiuno, dunque bisogna aggiungere ai 40 giorni di penitenza anche le 6 domeniche.

Ufficialmente, poi, la Quaresima si conclude con il Giovedì Santo (quest’anno il 18 aprile), mentre il periodo pasquale con il Corpus Domini (nel 2019 il 23 giugno).

Bisogna ricordare, infine, che nel rito Ambrosiano (nella diocesi di Milano) la data del mercoledì delle Ceneri è diversa, visto che il Carnevale milanese finisce il sabato dopo il Martedì Grasso. In questo caso, dunque, le Ceneri vengono imposte la prima domenica di Quaresima o il lunedì successivo.

LEGGI ANCHE: Il Santo del giorno, il calendario completo

Mercoledì delle Ceneri 2019 | Il significato

Secondo la tradizione cattolica, le Ceneri segnano l’inizio del periodo in cui il credente viene esortato a convertirsi al Vangelo. Da questa data, infatti, inizia ufficialmente la Quaresima, che porta alla Pasqua, di per sé la festività cristiana del rinnovamento e della rinascita.

Nella Bibbia, inoltre, la cenere rappresenta il simbolo dell’umiltà, del pentimento dell’uomo davanti a Dio. In origine il significato del mercoledì delle Ceneri era ancora più palese, dal momento che durante la liturgia il sacerdote recitava questa frase, poi eliminata dalla celebrazione durante il Concilio Vaticano II: “Con il sudore della fronte mangerai il pane; finché tornerai alla terra, perché da essa sei stato tratto: polvere tu sei e in polvere tornerai!”.

Nella celebrazione di oggi, dopo aver letto le parole del Vangelo, il sacerdote impone le Ceneri benedette sulla fronte dei fedeli presenti in Chiesa, ricordando la caducità della nostra vita terrena, e pronuncia questa frase: “Convertitevi e credete al Vangelo”. Le Ceneri vengono imposte poi tutti i mercoledì della Quaresima.

Mercoledì delle Ceneri 2019 | Il digiuno

Nell’anno liturgico cattolico sono due i giorni di digiuno: il Mercoledì delle Ceneri, in segno di penitenza e volontà di conversione, e il Venerdì Santo (quest’anno il 19 aprile). Secondo il Codice di Diritto canonico, infatti, in queste due occasioni tutti i fedeli sono tenuti al digiuno e all’astinenza.

Quale differenza c’è tra digiuno e astinenza? Nel primo caso, viene richiesto di fare un unico pasto durante la giornata, anche se in alcune circostanze è lecito mangiare qualcosa di leggero anche al mattino e alla sera. Nel secondo invece, viene proibito l’uso delle carni e di cibi particolarmente ricercati.

Sempre secondo il Diritto canonico, sono obbligati a digiunare tutti i fedeli di età compresa tra i 18 e i 60 anni, mentre all’astinenza devono partecipare anche i maggiori di 14 anni. Per motivi di salute, ovviamente, si possono rompere le leggi del digiuno e dell’astinenza.

Dalla legge del digiuno derivano alcune delle espressioni entrate ormai nel nostro comune parlare, come ad esempio Carnevale (dal latino carnem levare, cioè togliere la carne) e Martedì Grasso (ultimo giorno in cui si possono mangiare cose grasse).

Mercoledì delle Ceneri 2019 | La liturgia

Ma qual è la liturgia del mercoledì delle Ceneri? Il sacerdote recita un passo del Vangelo di Matteo, esattamente il 6, 1-6.16-18:

“In quel tempo, Gesù disse ai suoi discepoli: “State attenti a non praticare la vostra giustizia davanti agli uomini per essere ammirati da loro, altrimenti non c’è ricompensa per voi presso il Padre vostro che è nei cieli. Dunque, quando fai l’elemosina, non suonare la tromba davanti a te, come fanno gli ipocriti nelle sinagoghe e nelle strade, per essere lodati dalla gente. In verità io vi dico: hanno già ricevuto la loro ricompensa. Invece, mentre tu fai l’elemosina, non sappia la tua sinistra ciò che fa la tua destra, perché la tua elemosina resti nel segreto; e il Padre tuo, che vede nel segreto, ti ricompenserà. E quando pregate, non siate simili agli ipocriti che, nelle sinagoghe e negli angoli delle piazze, amano pregare stando ritti, per essere visti dalla gente. In verità io vi dico: hanno già ricevuto la loro ricompensa. Invece, quando tu preghi, entra nella tua camera, chiudi la porta e prega il Padre tuo, che è nel segreto; e il Padre tuo, che vede nel segreto, ti ricompenserà. E quando digiunate, non diventate malinconici come gli ipocriti, che assumono un’aria disfatta per far vedere agli altri che digiunano. In verità io vi dico: hanno già ricevuto la loro ricompensa. Invece, quando tu digiuni, profumati la testa e lavati il volto, perché la gente non veda che tu digiuni, ma solo il Padre tuo, che è nel segreto; e il Padre tuo, che vede nel segreto, ti ricompenserà”.

Mercoledì delle Ceneri 2019 | Di cosa sono fatte le Ceneri

È una domanda che almeno una volta nella vita tutti i fedeli si sono posti.

Ebbene, le Ceneri che vengono imposte sulle fronti dei fedeli in questo mercoledì non sono altro che i resti degli ulivi benedetti della Pasqua dell’anno precedente, conservati e poi bruciati.

Ti potrebbe interessare
Esteri / Bernie Madoff e lo schema Ponzi: muore a 82 anni il più grande truffatore della storia americana
News / L’italiana Alessandra Galloni sarà la prima donna a dirigere l’agenzia Reuters in 170 anni di storia
Economia / I giovani lanciano gli Stati Generazionali: “Diamo voce a chi voce non ha”
Ti potrebbe interessare
Esteri / Bernie Madoff e lo schema Ponzi: muore a 82 anni il più grande truffatore della storia americana
News / L’italiana Alessandra Galloni sarà la prima donna a dirigere l’agenzia Reuters in 170 anni di storia
Economia / I giovani lanciano gli Stati Generazionali: “Diamo voce a chi voce non ha”
News / In difesa dello “stupratore razzista Montanelli” (di Luca Telese)
News / Dillo con una poesia: oggi è la Giornata Mondiale della Poesia e questi versi vi faranno bene all’anima
News / Notizie di oggi: l'agenda quotidiana di TPI
News / Notizie di oggi: l'agenda quotidiana di TPI
News / Notizie di oggi: l'agenda quotidiana di TPI
News / Notizie di oggi: l'agenda quotidiana di TPI
News / Notizie di oggi: l'agenda quotidiana di TPI