Covid ultime 24h
casi +19.644
deceduti +151
tamponi +177.669
terapie intensive +79

Verona, genitori non pagano la mensa: alla figlia tonno e cracker. “Scelta del Comune a guida leghista”

Di Giovanni Macchi
Pubblicato il 8 Apr. 2019 alle 12:26 Aggiornato il 8 Apr. 2019 alle 12:27
0
Immagine di copertina

I genitori, di origine straniera, non possono pagare la mensa scolastica. Così, una bambina di una scuola elementare di Minerbe (Verona) viene nutrita a cracker e tonno, a differenza dei suoi compagni a cui vengono consegnati i pasti consueti.

La notizia è stata riportata dal quotidiano L’Arena. Il comune in questione è guidato da un sindaco leghista (Andrea Girardi) e, secondo la denuncia del Partito Democratico, è proprio l’amministrazione comunale ad aver concordato questa scelta “punitiva” con i dirigenti della scuola elementare.

La bambina sarebbe rimasta molto scossa e, vistasi recapitare il “pasto” ridotto, sarebbe scoppiata a piangere.

L’amministrazione comunale ha motivato la scelta con il mancato pagamento, da parte della famiglia, dei buoni pasto. Massimo Momi, vicesindaco con delega alle Politiche familiari, ha dichiarato che la scelta era necessaria per una questione di correttezza nei confronti delle famiglie in regola con i pagamenti.

Di tutt’altro avviso il Partito Democratico. La segretaria provinciale dei dem ha attaccato duramente il Carroccio: “Hanno il dovere e non solo la possibilità di dare sostegno a chi è in difficoltà”.

In ogni caso, precisa il Pd, è assurdo rivalersi sulla bambina, facendole pagare le inadempienze dei genitori senza tenere conto della sua situazione di fragilità.

Caso mense a Lodi, il tribunale di Milano condanna il comune: “Discriminazione verso bambini stranieri”

0
Accesso

Se non ricordi la tua password o in precedenza usavi un account social (Facebook, Google) per accedere, richiedi una nuova password.