Icona app
Leggi TPI direttamente dalla nostra app: facile, veloce e senza pubblicità
Installa
Banner abbonamento
Ultimo aggiornamento ore 18:35
Immagine autore
Lucarelli
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Di Battista
Home » News

“Mi avevano strappato tutti i capelli e avevo buchi nella pancia”: il racconto della prostituta che ha commosso Mattarella | VIDEO

Immagine di copertina
Il Presidente della Repubblica in occasione della cerimonia sull'8 marzo al Quirinale

La 24enne di nazionalità bulgara è stata ricevuta al Qurinale in occasione della cerimonia per l'8 Marzo

“Non capirò mai come una persona che si definisce uomo possa non avere pietà di una ragazza che sanguina, che piange e che soffre. Per me la prostituzione è stata una tortura”. È la drammatica testimonianza di Stefania costretta a venire in Italia e fare la prostituta da quelle che considerava persone amiche.

La giovane, 24 anni e di nazionalità bulgara, è stata ricevuta dal Presidente della Repubblica durante la cerimonia al Qurinale dedicata all’8 Marzo che, per l’occasione, aveva un focus particolare sul tema della tratta delle donne. Presenti in sala anche le più alte cariche dello Stato, giornaliste, attrici e donne in divisa delle Forze dell’Ordine.

“Questi uomini che voi chiamate clienti hanno la necessità di appropriarsi di cose. Così anche io sono diventata una cosa da comprare, come quando si va dal macellaio”, ha raccontato la ragazza ai presenti, tutti visibilmente commossi.  Non sono mancati dettagli sconcertanti: “Mi sentivo sporca e bruttissima perché mi avevano strappato tutti i capelli. Mi si vedeva la cute e avevo buchi nella pancia perché mi erano saltati sopra con i tacchi a spillo.

“Lo sfruttamento sessuale delle donne – ha commentato il Capo dello Stato – è una pratica criminale purtroppo diffusa. È bene chiamare questa condizione con il nome appropriato: schiavitù. Si tratta dell’infame schiavitù del nostro secolo.  Nessun compromesso è accettabile, nessuna tolleranza può essere mascherata da realismo o opportunismo”. E se dunque “stroncare il traffico è compito delle forze di polizia, dei magistrati, delle istituzioni nazionali e degli organismi internazionali, tutta la società civile  è chiamata a fare la propria parte, agendo con responsabilità e coerenza morale. Nessuno può restare indifferente”.

Leggi di più: Nel suo discorso di fine anno Mattarella si è dimenticato delle donne

Leggi di più: Manifestazioni in tutta Italia per la Festa della donna: tutte le info per la giornata dell’8 marzo

Ti potrebbe interessare
Esteri / Bernie Madoff e lo schema Ponzi: muore a 82 anni il più grande truffatore della storia americana
News / L’italiana Alessandra Galloni sarà la prima donna a dirigere l’agenzia Reuters in 170 anni di storia
Economia / I giovani lanciano gli Stati Generazionali: “Diamo voce a chi voce non ha”
Ti potrebbe interessare
Esteri / Bernie Madoff e lo schema Ponzi: muore a 82 anni il più grande truffatore della storia americana
News / L’italiana Alessandra Galloni sarà la prima donna a dirigere l’agenzia Reuters in 170 anni di storia
Economia / I giovani lanciano gli Stati Generazionali: “Diamo voce a chi voce non ha”
News / In difesa dello “stupratore razzista Montanelli” (di Luca Telese)
News / Dillo con una poesia: oggi è la Giornata Mondiale della Poesia e questi versi vi faranno bene all’anima
News / Notizie di oggi: l'agenda quotidiana di TPI
News / Notizie di oggi: l'agenda quotidiana di TPI
News / Notizie di oggi: l'agenda quotidiana di TPI
News / Notizie di oggi: l'agenda quotidiana di TPI
News / Notizie di oggi: l'agenda quotidiana di TPI