Banner donazione
Ultimo aggiornamento ore 17:01
Immagine autore
Lucarelli
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Di Battista
Home » News

Maltempo in Emilia Romagna, il fiume Reno rompe gli argini: 300 sfollati, 10 persone ricoverate in ipotermia

L’Emilia Romagna è nella morsa del maltempo. Il 3 febbraio 2019 il fiume Reno ha rotto gli argini allagando ampie aree nella provincia di Bologna, tra Castel Maggiore e Argelato.

Sono 300 gli sfollati in seguito all’esondazione. Dieci persone, tra cui sei carabinieri, sono state ricoverate in ospedale in ipotermia.

“La breccia è stata chiusa, l’acqua sta defluendo lentamente, ma rimangono aree allagate abbastanza ampie e ora deve iniziare il percorso di assistenza ai cittadini che rientrano nelle case man mano che esce l’acqua”, ha dichiarato Maurizio Mainetti, direttore dell’Agenzia regionale per la sicurezza territoriale e la Protezione civile.

LEGGI ANCHE: Le previsioni meteo in Italia per oggi e domani

“La situazione degli allagamenti ad Argelato è ancora importantissima, tante case e tante zone sono ancora sott’acqua. Abbiamo bisogno di più forze, mezzi e uomini”, ha detto invece la sindaca del paese emiliano, Claudia Muzic.

Maltempo Emilia Romagna 3 febbraio | L’esondazione del Reno

La zona che ha subito le conseguenze peggiori dell’ondata di maltempo è sicuramente Castel Maggiore, dove già da sabato 2 febbraio il fiume Reno ha rotto gli argini.

Secondo le prime stime della Protezione civile dell’Emilia Romagna, infatti, in sole cinque ore la zona tra Castel Maggiore e Argelato è stata inondata da due milioni di metri cubi di acqua, con un’intensità di 80 metri cubi al secondo. Il cedimento ha interessato un tratto lungo 50 metri e alto circa due metri.

Le dieci persone ricoverate erano coinvolte in un’operazione di salvataggio alle 13 di domenica 3 febbraio, in via Bondanello, sempre a Castel Maggiore. I carabinieri stavano infatti sgomberando le abitazioni e le strade più vicine alle rive del fiume, quando all’improvviso sono stati sorpresi da una nuova ondata di acqua.

In un primo momento è intervenuto un trattore, per salvare le persone colpite dalla piena, ma anch’esso è stato travolto dall’acqua. Solo l’intervento dei Vigili del fuoco, in elicottero, ha permesso di evitare il peggio. I sei carabinieri e le altre persone tratte in salvo sono ora ricoverate in ipotermia in due ospedali della zona, ma non sono in pericolo di vita.

Sempre a Castel Maggiore, il comune ha messo a disposizione un spazio all’interno di una polisportiva per accogliere tutti gli sfollati.

Maltempo Emilia Romagna 3 febbraio | Le zone interessate

L’emergenza maltempo, in poche ore, ha coinvolto però tutta la Bassa bolognese. Oltre alle già citate Castel Maggiore e Argelato, sono in allarme anche Castello d’Argile, Galliera, Pieve di Cento e Malacappa. In quest’ultima cittadina sono già state evacuate per precauzione alcune famiglie.

Ci sono state evacuazioni anche a Bologna, nella zona Triumvirato, mentre il Reno spaventa Casalecchio. Paura anche nelle zone di montagna, interessate da alcuni smottamenti.

Molti disagi alla circolazione: la Trasversale di Pianura da Funo di Argelato a San Giovanni in Persiceto è stata chiusa al traffico, come anche l’imbocco da Calderara verso la Trasversale sulla Sp 18.

Nel Modenese sono stati chiusi i ponti e un tratto di via Emilia verso Castelfranco. Si tengono d’occhio i fiumi Secchia e Panaro. La Coldiretti intanto segnala che a Boretto, nel Reggiano, il livello del fiume Po è salito di tre metri nelle ultime 12 ore.

Maltempo Emilia Romagna 3 febbraio | L’allerta rossa

Nelle prossime ore la situazione maltempo non migliorerà. Se per sabato 2 febbraio la Protezione civile aveva diramato un’allerta arancione in quasi tutta la regione, il livello di allerta è stato innalzato a rosso per tutta domenica 3 febbraio fino alla mezzanotte.

L’attenzione è rivolta soprattutto alle aree di pianura nella parte orientale della regione e alla piena degli affluenti del Po.

Ti potrebbe interessare
Esteri / Bernie Madoff e lo schema Ponzi: muore a 82 anni il più grande truffatore della storia americana
News / L’italiana Alessandra Galloni sarà la prima donna a dirigere l’agenzia Reuters in 170 anni di storia
Economia / I giovani lanciano gli Stati Generazionali: “Diamo voce a chi voce non ha”
Ti potrebbe interessare
Esteri / Bernie Madoff e lo schema Ponzi: muore a 82 anni il più grande truffatore della storia americana
News / L’italiana Alessandra Galloni sarà la prima donna a dirigere l’agenzia Reuters in 170 anni di storia
Economia / I giovani lanciano gli Stati Generazionali: “Diamo voce a chi voce non ha”
News / In difesa dello “stupratore razzista Montanelli” (di Luca Telese)
News / Dillo con una poesia: oggi è la Giornata Mondiale della Poesia e questi versi vi faranno bene all’anima
News / Notizie di oggi: l'agenda quotidiana di TPI
News / Notizie di oggi: l'agenda quotidiana di TPI
News / Notizie di oggi: l'agenda quotidiana di TPI
News / Notizie di oggi: l'agenda quotidiana di TPI
News / Notizie di oggi: l'agenda quotidiana di TPI