Icona app
Leggi TPI direttamente dalla nostra app: facile, veloce e senza pubblicità
Installa
Banner abbonamento
Ultimo aggiornamento ore 20:16
Immagine autore
Lucarelli
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Di Battista
Home » News

C’è un esponente di spicco del Movimento 5 stelle a processo contro Salvini

Immagine di copertina
Credits: Tiziana Fabi/Afp/Getty Images

Ex consigliere in Lombardia, deputato e sottosegretario agli Affari regionali. Ma soprattutto, uomo fidato di Luigi Di Maio

Ex consigliere in Lombardia, deputato dei 5 stelle e sottosegretario agli Affari regionali e autonomie. Stefano Buffagni, uomo fidato di Luigi Di Maio, deve difendersi da un’imbarazzante accusa di diffamazione dal suo alleato di governo, Matteo Salvini.

Fino a pochi mesi fa tra Movimento 5 Stelle e Lega non era ancora scoccata la scintilla. “Il movimento 5 bufale“, lo aveva soprannominato Salvini: “Loro sono per l’immigrazione libera per tutti, non sono per l’uscita dall’euro e non vogliono la sovranità monetaria. No, non mi piacciono quelli che cambiano idea ogni quarto d’ora”.

E anche i pentastellati non risparmiavano critiche e accuse contro il neo alleato di governo. “Salvini? Un traditore politico: lui e la sua Lega sono il trionfo dell’incoerenza, dell’inaffidabilità. La conclusione è che Salvini fa più schifo di Renzi e Berlusconi messi insieme”.

I due partiti ora governano insieme, e sembrano aver superato i dissapori di un tempo. Qualche strascico d quel periodo però riaffiora dal passato.

E così Buffagni è a processo a Milano, per quanto scritto e affermato a giugno del 2016. I fatti risalgono a quando Buffagni era ancora consigliere regionale e Salvini eurodeputato.

In un post sul blog Movimento5 Stelle Lombardia l’attuale sottosegretario parlava di un “sistema Lega”, “marcio, che sta infettando le istituzioni e che brucia i soldi dei lombardi, e che se a Roma c’era il Pd e Mafia capitale, in Lombardia il sistema è in mano alla Lega, ma alla fine sono sempre i cittadini a pagare”.

Il leader della Lega aveva querelato Buffagni, che nell’udienza di gennaio 2018 aveva invocato l’insindacabilità dei consiglieri regionali per difendersi dalle accuse.

Nel frattempo però è nato un governo, è stato sottoscritto un contratto, è stata siglata un’alleanza. Così ora tra le parti sarebbe “in corso una trattativa“, come è emerso nell’udienza del 10 settembre 2018 rinviata in attesa che i due trovino un accordo, per mettere fine alla vicenda in via stragiudiziale.

Ti potrebbe interessare
Esteri / Bernie Madoff e lo schema Ponzi: muore a 82 anni il più grande truffatore della storia americana
News / L’italiana Alessandra Galloni sarà la prima donna a dirigere l’agenzia Reuters in 170 anni di storia
Economia / I giovani lanciano gli Stati Generazionali: “Diamo voce a chi voce non ha”
Ti potrebbe interessare
Esteri / Bernie Madoff e lo schema Ponzi: muore a 82 anni il più grande truffatore della storia americana
News / L’italiana Alessandra Galloni sarà la prima donna a dirigere l’agenzia Reuters in 170 anni di storia
Economia / I giovani lanciano gli Stati Generazionali: “Diamo voce a chi voce non ha”
News / In difesa dello “stupratore razzista Montanelli” (di Luca Telese)
News / Dillo con una poesia: oggi è la Giornata Mondiale della Poesia e questi versi vi faranno bene all’anima
News / Notizie di oggi: l'agenda quotidiana di TPI
News / Notizie di oggi: l'agenda quotidiana di TPI
News / Notizie di oggi: l'agenda quotidiana di TPI
News / Notizie di oggi: l'agenda quotidiana di TPI
News / Notizie di oggi: l'agenda quotidiana di TPI