Banner donazione
Ultimo aggiornamento ore 16:17
Immagine autore
Lucarelli
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Di Battista
Home » News

M5S in difficoltà: malcontento per le espulsioni e numeri in Senato sempre più risicati

Immagine di copertina
Luigi Di Maio

A pesare sulla forza dei giallo-verdi sono le ultime espulsioni operate all'interno del Movimento, che hanno generato non pochi mal di pancia tra i grillini

I numeri dei 5 Stelle al Senato si fanno sempre più esigui, mettendo a repentaglio la tenuta della maggioranza.

A pesare sulla forza dei giallo-verdi sono le ultime espulsioni operate all’interno del Movimento: il 2018 si è infatti chiuso con l’allontanamento dei senatori Gregorio De Falco (qui il suo profilo) e Saverio De Bonis (qui il suo profilo) e di due eurodeputati, Giulia Moi (qui il suo profilo) e Marco Valli (qui il suo profilo).

> QUI GLI AGGIORNAMENTI SULLA POLITICA ITALIANA

Contro il senatore Lello Ciampolillo è stato espresso solo un richiamo, mentre il procedimento per Elena Fattori e Paola Nugnes risulta ancora pendente. Più fortunati Matteo Mantero e Virginia La Mura, i cui casi sono stati archiviati.

Facendo i conti a inizio 2019, non si può non notare che la maggioranza giallo-verde al Senato è scesa 165, un numero che dovrebbe far preoccupare Di Maio e Salvini dato che il quorum è di 161 voti.

Gli scontri interni al movimento emergono anche tra Camera e Senato: circa 30-40 parlamentari infatti chiedono chiarimenti sulle ultime espulsioni e sull’intolleranza verso il dissenso interno.

Emblematico a questo proposito il post pubblicato su Facebook da Luigi Gallo: “Non c’è mai stata un’assemblea con una votazione interna, né su Rousseau, sui temi delicati”. Critiche sono arrivate anche da Gilda Sportiello: “Forse più che di provvedimenti e sanzioni ciò di cui necessita il Movimento sono spazi di confronto”.

Espulsioni Movimento 5 stelle | Di Maio: “Nessuno è indispensabile”

Il capo politico M5s Luigi Di Maio ricorda a tutti che “quando i candidati del Movimento 5 Stelle entrano nelle liste accettano alcune regole, poche e chiare, che sono vincolanti per la loro candidatura”. 

Tutti gli eletti del Movimento in Parlamento” prosegue il vicepremier M5s “hanno quindi firmato e accettato anche la regola presente nel Codice Etico per cui i nostri parlamentari sono tenuti sempre a votare la fiducia ad un governo in cui il Movimento è parte della maggioranza”.

Nel Codice c’è effettivamente scritto che i portavoce eletti “si impegnano a votare la fiducia, ogni qualvolta ciò si renda necessario, ai governi presieduti da un presidente del consiglio dei ministri espressione del MoVimento 5 Stelle”.

Ti potrebbe interessare
Esteri / Bernie Madoff e lo schema Ponzi: muore a 82 anni il più grande truffatore della storia americana
News / L’italiana Alessandra Galloni sarà la prima donna a dirigere l’agenzia Reuters in 170 anni di storia
Economia / I giovani lanciano gli Stati Generazionali: “Diamo voce a chi voce non ha”
Ti potrebbe interessare
Esteri / Bernie Madoff e lo schema Ponzi: muore a 82 anni il più grande truffatore della storia americana
News / L’italiana Alessandra Galloni sarà la prima donna a dirigere l’agenzia Reuters in 170 anni di storia
Economia / I giovani lanciano gli Stati Generazionali: “Diamo voce a chi voce non ha”
News / In difesa dello “stupratore razzista Montanelli” (di Luca Telese)
News / Dillo con una poesia: oggi è la Giornata Mondiale della Poesia e questi versi vi faranno bene all’anima
News / Notizie di oggi: l'agenda quotidiana di TPI
News / Notizie di oggi: l'agenda quotidiana di TPI
News / Notizie di oggi: l'agenda quotidiana di TPI
News / Notizie di oggi: l'agenda quotidiana di TPI
News / Notizie di oggi: l'agenda quotidiana di TPI