Banner donazione
Ultimo aggiornamento ore 08:44
Immagine autore
Lucarelli
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Di Battista
Home » News

Il referendum sull’autonomia in Lombardia e Veneto si terrà il 22 ottobre

Immagine di copertina

Il governatore della Lombardia Maroni ha annunciato la data della consultazione. La votazione ha solo valore consultivo

Il 22 ottobre 2017 si terrà un referendum consultivo nelle regioni Lombardia e Veneto. I cittadini maggiorenni residenti nelle due regioni saranno chiamati a decidere su un’eventuale autonomia politica e finanziaria della propria regione.

— Questa notizia puoi leggerla direttamente sul tuo Messenger di Facebook. Ecco come

La costituzione italiana prevede solamente lo svolgimento di referendum abrogativi o costituzionali. Trattandosi di un referendum consultivo (simile a quello di Brexit del 23 giungo 2016) in caso di vittoria del Sì, ovvero in favore dell’autonomia, la votazione non avrebbe un esito vincolante, ma potrebbe aprire a una stagione di negoziati con il governo centrale di Roma.

La data è stata annunciata dal presidente della regione Lombardia Roberto Maroni, che al Salone dello studente ha affermato di aver deciso la data in accordo col collega leghista della regione Veneto, Luca Zaia.

“Sono orgoglioso di essere il segretario della Lega che fa: nel nostro Dna ci sono autonomia e federalismo”, ha detto il segretario nazionale della Lega Nord Matteo Salvini. “Chiunque si voglia alleare con noi sa che l’Italia sta insieme se riconosce le sue diversità”. Salvini ha poi concluso il suo intervento auspicando che “questa possibilità venga estesa anche ad altre Regioni”.

La campagna elettorale della consultazione referendaria si svolgerà principalmente sulla gestione del sistema delle tassazioni. In caso di autonomia, infatti, le tasse riscosse nelle regioni Lombardia e Veneto saranno quasi interamente destinate a rimanere nel territorio regionale. Secondo alcune stime, si tratta di ben 70 miliardi di euro l’anno, circa 54 miliardi per la Lombardia e circa 18 miliardi per il Veneto.

Il rapporto tra stato e regioni è regolato dalla Costituzione negli articoli del Titolo V, dal 114 al 133. Per questo il riconoscimento eventuale dell’autonomia a Lombardia e Veneto, dovrà passare da una revisione costituzionale. Questa secondo l’articolo 138 della costituzione deve essere approvata dal parlamento con una maggioranza rinforzata e, se richiesto, anche con un referendum costituzionale nazionale.

— Non restare fuori dal mondo. Iscriviti qui alla newsletter di TPI e ricevi ogni sera i fatti essenziali della giornata

Ti potrebbe interessare
Esteri / Bernie Madoff e lo schema Ponzi: muore a 82 anni il più grande truffatore della storia americana
News / L’italiana Alessandra Galloni sarà la prima donna a dirigere l’agenzia Reuters in 170 anni di storia
Economia / I giovani lanciano gli Stati Generazionali: “Diamo voce a chi voce non ha”
Ti potrebbe interessare
Esteri / Bernie Madoff e lo schema Ponzi: muore a 82 anni il più grande truffatore della storia americana
News / L’italiana Alessandra Galloni sarà la prima donna a dirigere l’agenzia Reuters in 170 anni di storia
Economia / I giovani lanciano gli Stati Generazionali: “Diamo voce a chi voce non ha”
News / In difesa dello “stupratore razzista Montanelli” (di Luca Telese)
News / Dillo con una poesia: oggi è la Giornata Mondiale della Poesia e questi versi vi faranno bene all’anima
News / Notizie di oggi: l'agenda quotidiana di TPI
News / Notizie di oggi: l'agenda quotidiana di TPI
News / Notizie di oggi: l'agenda quotidiana di TPI
News / Notizie di oggi: l'agenda quotidiana di TPI
News / Notizie di oggi: l'agenda quotidiana di TPI