L’ex ministro Livia Turco sulla vicenda dello scuolabus in fiamme

Di Clarissa Valia
Pubblicato il 21 Mar. 2019 alle 22:47 Aggiornato il 21 Mar. 2019 alle 22:49
0
Immagine di copertina

L’ex ministro Livia Turco, esponente del Partito Democratico, è stata ospite nella trasmissione di approfondimento politico Agorà dove ha commentato la tragedia sfiorata del 20 marzo 2019 dove l’autista di un autobus ha dato fuoco ad un mezzo che trasportava una scolaresca di 51 studenti nella provincia di Milano.

“Sono gesti terribili – ha detto Livia Turco -. Certo, vanno condannati in maniera risoluta. Ma sono allo stesso modo dei gesti che vanno compresi”. Serena Bortone, la conduttrice di Agorà, ha chiesto spiegazioni all’ex ministro per la Solidarietà Sociale del governo Prodi: “Come vanno compresi?”.

Livia Turco cha quel punto ha spiegato: “Vanno compresi, nel senso che bisogna comprenderne le ragioni. Ribadisco che vanno condannati”.

L’ex ministro non voleva quindi affermare che il gesto dell’autista che ha sequestrato i bambini andava giustificato, ma che bisognava piuttosto chiarirne le dinamiche.

Sui social la sua affermazione è stata criticata.

0
Accesso

Se non ricordi la tua password o in precedenza usavi un account social (Facebook, Google) per accedere, richiedi una nuova password.