Icona app
Leggi TPI direttamente dalla nostra app: facile, veloce e senza pubblicità
Installa
Banner abbonamento
Cerca
Ultimo aggiornamento ore 22:04
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Stille
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Di Battista
Home » News

Chi sono i 25 deputati M5s che non hanno votato la riforma della legittima difesa

Immagine di copertina

Sono 25 i deputati del Movimento 5 stelle che non hanno partecipato al voto sulla legittima difesa.

È quanto emerge dai tabulati della votazione: 29 deputati risultano in missione; 165 hanno votato a favore del provvedimento “leghista”; 25 quelli che non hanno partecipato.

Tra questi spiccano due “fichiani”: Giuseppe Brescia, già ai ferri corti con i vertici del Movimento per la questione Global Compact, e Luigi Gallo. Considerati “assenti non giustificati” invece Doriana Sarli e Sara Cunial.

Chi sono i 25 deputati del M5s che non hanno votato la legittima difesa

Come risulta dal tabulato della votazione sulla legittima difesa, i 25 pentastellati che non hanno partecipato al voto sono:

– Giuseppe Brescia,

– Luciano Cantone,

– Vittoria Casa,

– Andrea Caso,

– Maurizio Cattoi,

– Sebastiano Cubeddu,

– Sara Cunial,

– Rina De Lorenzo,

– Chiara Ehm Yana,

– Luigi Gallo, Veronica Giannone,

– Angela Ianaro,

– Generoso Maraia,

– Maria Marzana,

– Leonardo Salvatore Penna,

– Riccardo Ricciardi,

– Cristian Romaniello,

– Gianluca Rospi,

– Francesca Anna Ruggiero,

– Francesco Sapia,

– Doriana Sarli,

– Giulia Sarti,

– Gilda Sportiello,

– Davide Tripiedi,

– Gloria Vizzini.

Inutile, per convincere i 25 dissidenti, il disperato tentativo in aula di Gianfranco Di Sarno, al quale il Movimento 5 stelle ha affidato la dichiarazione di voto finale.

“Non c’è libertà di uccidere, ma uno Stato che si stringe attorno a chi è costretto a difendersi. Significa ascoltare gli italiani e fornire risposte vere”.

La riforma della legittima difesa è – la versione ufficiale del Movimento 5 stelle – “un provvedimento tanto dibattuto. Rappresenta per molti uno dei nodi che necessitavano di essere sciolti con un intervento chiaro e preciso. Le istanze dei cittadini meritano sempre di essere discusse, e il governo lo ha fatto. Il testo è frutto di una attività intensa guidata da unico principio: migliorare la normativa esistente e dare uno strumento alle forze dell’ordine”.

Il tema, continua il deputato pentastellato, “spesso ha assunto toni di allarme. Si è parlato a sproposito di legge Far west e di legittimazione ad uccidere, addirittura qualcuno ha detto che è una sorta di incentivo all’acquisto di armi”.

Tutte “falsità, solo falsità”. Per Di Sarno “la verità è che non c’è nessuna legittimazione ad uccidere. Non c’è una sola parola che legittimi la violenza. La proposta risponde a una precisa domanda di sicurezza, gli italiani non hanno alcuna voglia di difendersi da soli ma, se costrette, le persone devono essere tutelate ed è giusto che non si subisca oltre al danno anche la beffa”.

Ti potrebbe interessare
Esteri / Bernie Madoff e lo schema Ponzi: muore a 82 anni il più grande truffatore della storia americana
News / L’italiana Alessandra Galloni sarà la prima donna a dirigere l’agenzia Reuters in 170 anni di storia
Economia / I giovani lanciano gli Stati Generazionali: “Diamo voce a chi voce non ha”
Ti potrebbe interessare
Esteri / Bernie Madoff e lo schema Ponzi: muore a 82 anni il più grande truffatore della storia americana
News / L’italiana Alessandra Galloni sarà la prima donna a dirigere l’agenzia Reuters in 170 anni di storia
Economia / I giovani lanciano gli Stati Generazionali: “Diamo voce a chi voce non ha”
News / In difesa dello “stupratore razzista Montanelli” (di Luca Telese)
News / Dillo con una poesia: oggi è la Giornata Mondiale della Poesia e questi versi vi faranno bene all’anima
News / Notizie di oggi: l'agenda quotidiana di TPI
News / Notizie di oggi: l'agenda quotidiana di TPI
News / Notizie di oggi: l'agenda quotidiana di TPI
News / Notizie di oggi: l'agenda quotidiana di TPI
News / Notizie di oggi: l'agenda quotidiana di TPI