Icona app
Leggi TPI direttamente dalla nostra app: facile, veloce e senza pubblicità
Installa
Banner abbonamento
Ultimo aggiornamento ore 18:33
Immagine autore
Lucarelli
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Di Battista
Home » News

Legittima difesa: via libera della Camera con 373 sì, il testo passa al Senato

Immagine di copertina

Il 6 marzo 2019 la Camera ha approvato con 373 voti a favore il testo della Legittima difesa, cavallo di battaglia della Lega. I voti contrari sono stati 104 e 2 gli astenuti.

Adesso il testo ritorna all’esame del Senato dopo essere stato modificato dalla Camera.

Il giorno prima la Camera aveva votato a favore dei primi articoli della riforma della legittima difesa. (Qui abbiamo spiegato nel dettaglio cosa cambia nei primi 5 articoli).

Il testo appena approvato dall’esame della Camera interviene su alcuni articoli del codice penale, interessando in particolare il 52 e il 55 del codice penale.

> Cosa cambia con la legge sulla legittima difesa 

La legge voluta dalla Lega riconosce “sempre” la sussistenza della proporzionalità tra offesa e difesa “se taluno legittimamente presente nell’abitazione altrui, o in un altro luogo di privata dimora, o nelle appartenenze di essi”, “usa un’arma legittimamente detenuta o altro mezzo idoneo al fine di difendere la propria o la altrui incolumità, i beni propri o altrui, quando non vi è desistenza e vi è pericolo d’aggressione”.

Inoltre viene allargata la copertura della legittima difesa: affinché scatti la non punibilità non è necessario che il ladro abbia un’arma in mano, bensì è sufficiente la sola minaccia di utilizzare un’arma, così come non serve più che vi sia una minaccia specifica “alla persona”.

L’approvazione della legge voluta dalla Lega aveva messo in crisi il Movimento e si temeva che i 5 Stelle non avrebbero appoggiato il testo. Di Maio alla vigilia del voto alla Camera aveva però rassicurato che i pentastellati non avrebbero voltato le spalle a Salvini.

“Non c’è tutto questo entusiasmo nel M5s sulla legittima difesa, ma noi siamo leali. Se approvando questa legge si dice che si possono utilizzare di più le armi, questo non è il mio modello di paese”, aveva detto il vicepremier a Rtl 102.5.

Ti potrebbe interessare
Esteri / Bernie Madoff e lo schema Ponzi: muore a 82 anni il più grande truffatore della storia americana
News / L’italiana Alessandra Galloni sarà la prima donna a dirigere l’agenzia Reuters in 170 anni di storia
Economia / I giovani lanciano gli Stati Generazionali: “Diamo voce a chi voce non ha”
Ti potrebbe interessare
Esteri / Bernie Madoff e lo schema Ponzi: muore a 82 anni il più grande truffatore della storia americana
News / L’italiana Alessandra Galloni sarà la prima donna a dirigere l’agenzia Reuters in 170 anni di storia
Economia / I giovani lanciano gli Stati Generazionali: “Diamo voce a chi voce non ha”
News / In difesa dello “stupratore razzista Montanelli” (di Luca Telese)
News / Dillo con una poesia: oggi è la Giornata Mondiale della Poesia e questi versi vi faranno bene all’anima
News / Notizie di oggi: l'agenda quotidiana di TPI
News / Notizie di oggi: l'agenda quotidiana di TPI
News / Notizie di oggi: l'agenda quotidiana di TPI
News / Notizie di oggi: l'agenda quotidiana di TPI
News / Notizie di oggi: l'agenda quotidiana di TPI