Banner donazione
Ultimo aggiornamento ore 06:29
Immagine autore
Lucarelli
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Di Battista
Home » Migranti

Brescia (M5s): “Sul Global Compact Salvini scelga, o con Conte o con la Meloni”

Immagine di copertina
A sinistra il deputato Brescia (M5s). A destra Matteo Salvini e Giorgia Meloni

Il parlamentare vicino a Fico avverte: "Ci sono i numeri per un voto M5s-sinistra". Il governo rischia di spaccarsi prima delle Europee sul patto Onu sui migranti

Il Global Compact rischia seriamente di spaccare il governo Lega-Movimento 5 stelle. E l’aver rinviato tra febbraio e marzo 2019 il voto parlamentare che stabilirà l’adesione o meno dell’Italia al patto Onu sull’immigrazione pone un altro problema: la vicinanza tra la decisione sul tema caldo per eccellenza, quello delle migrazioni, e le elezioni europee del 2019.

Perché è alto il rischio che sarà proprio la ricerca del consenso a drogare il dibattito su quello che è un tema centrale per il nostro Paese. 

Ne è convinto Giuseppe Brescia, esponente del Movimento 5 stelle e presidente della commissione Affari Costituzionali della Camera, intervistato da TPI.

Se nel M5s esistono diverse anime, diverse posizioni, sul tema dell’immigrazione, la posizione della Lega è chiara e vicina a quella di Fratelli d’Italia che, sulla questione del Global Compact, sta andando avanti “di provocazione in provocazione”.

Per questo Giuseppe Brescia, nelle settimane in cui il tema è letteralmente esploso, ha pensato di chiedere all’ufficio della Camera di tradurre il testo in italiano.

Sarebbe meglio trattare questioni così importanti essendo ben informati rispetto a ciò di cui si discute. Le prime provocazioni arrivate da Giorgia Meloni intorno a questo documento, che ricordo essere un “patto” e non un trattato vincolante, erano basate su un testo in inglese. E non credo che chi parlava del Global Compact si fosse letto tutto il documento.

Ho pensato che tradurlo in italiano fosse un servizio al Paese e in particolare agli esponenti politici che si riempivano la bocca di termini come “invasione”. Così ho chiesto a un ente terzo come la Camera, per evitare qualsiasi tipo di polemica, di tradurlo per discutere nel merito della questione.

Ho studiato attentamente il Global Compact e nel testo ci sono chiari passaggi che riaffermano la sovranità degli Stati in materia di immigrazione. E questo a Salvini dovrebbe interessare.

Il presidente della Camera, Roberto Fico, nelle scorse ore ha dichiarato la necessità dell’Italia di aderire al Global Compact. E, parlando di politiche di accoglienza, ha affermato di ritenere un “dovere” di staccarsi della politiche di Donald Trump. Anche lei è di questo avviso?

Non seguire Donald Trump sulla politica estera e in particolare sulla gestione dell’immigrazione è una posizione molto saggia. Isolarsi non porta da nessuna parte e il fenomeno migratorio va gestito collaborando con altri Stati. Nei prossimi mesi discuteremo la questione all’interno del Movimento.

La mozione approvata lo scorso 19 dicembre serve a prendere tempo, a vedere gli effetti del Global Compact sui Paesi che vi hanno aderito. Personalmente credo sia necessario aderire, perché da soli non si va da nessuna parte. Serve cooperazione e sviluppo, non solo tra i Paesi europei, ma anche con i Paesi d’origine dei migranti.

Perché giudica importante aderire a questo Patto?

Per non restare fuori dallo scenario internazionale. Dopo aver chiesto all’Europa di non lasciarci soli nella gestione delle migrazioni, a combattere questo fenomeno di carattere globale, sarebbe assurdo ora che si parla di partecipazione a livello globale tirarsi indietro. Sarebbe un controsenso. 

E ritiene, soprattutto, sarebbe controproducente per l’Italia non firmare il Global Compact? 

Non firmare questo patto non solo aprirebbe un problema all’interno della maggioranza ma farebbe perdere credibilità a livello internazionale al premier Conte, che all’Onu ha dichiarato espressamente l’adesione dell’Italia al Global Compact, e al ministro degli Esteri Moavero Milanesi, che alla Camera ha pubblicamente sottolineato l’importanza di aderirvi. Tornare indietro sarebbe un autogol.

La Lega però è fortemente contraria al Global Compact. Come gestirà la maggioranza una simile divisione? 

Abbiamo tre mesi per convincere la Lega. I rischi che da destra vengono paventati, quell’invasione tanto cara a Giorgia Meloni, non esistono: è tutto scritto nero su bianco nel paragrafo 15 e la sovranità dei singoli Paesi non solo è riaffermata, ma letteralmente garantita.

Strumentalmente però qualcuno, in primis Fratelli d’Italia, si è ritagliato il ruolo di disturbatore e sta cercando di tirare la giacchetta di Salvini in vista delle prossime Europee. Ma questa campagna anti Global Compact è solo becero egoismo alla ricerca di consensi per il proprio partito.

C’è la possibilità che il sì al patto arrivi con i voti della sinistra?

In un simile scenario tutto è possibile. I voti ci sarebbero. Ma sarebbe un brutto segnale se la maggioranza si spaccasse su un tema così centrale. Perdere compattezza e non riuscire a trovare una soluzione condivisa sull’immigrazione a ridosso delle elezioni Europee potrebbe portare a una spaccatura difficile da ricomporre.

Qual è la situazione in casa Lega? E, off record, che tipo di discussioni state tenendo?

Purtroppo dai colleghi del Carroccio, al momento, c’è chiusura totale. Noi dovremo farli ragionare in qualche modo e con argomentazioni che evitino qualsiasi tipo di attacco, soprattutto da parte di chi cerca di tirare per la giacchetta, verso destra, i leghisti. In fondo anche il loro famoso slogan – “aiutiamoli a casa loro” – si può realizzare solo tramite cooperazione e sviluppo. Proprio come dice il Global Compact.

Sembra però preoccupato dalla vicinanza tra il voto parlamentare sul Global Compact e le elezioni Europee

Ovviamente un voto a ridosso di una simile decisione mi preoccupa. Ma voglio sperare che in questo caso si andrà oltre la ricerca del mero consenso.

Qui è in gioco la credibilità del nostro Paese sullo scenario internazionale: sarebbe folle tirarsi indietro pensando solo a qualche voto in più alle Europee.

Dovremo essere bravi a smontare gli attacchi al Global Compact nel merito: le critiche da destra, anche da parte leghista, che stanno arrivando in questi giorni sono assolutamente infondate.

E la linea all’interno del Movimento 5 stelle qual è? Passerà la “linea Fico”?

Nel Movimento 5 stelle ancora non abbiamo affrontato la questione. Da qui la decisione di una mozione per rinviare il voto di tre mesi. Le anime del Movimento, come noto, sono diverse.

Personalmente spero che prevalga non solo quella che possiamo definire linea “Fico”, ma anche quella di Conte e Moavero che hanno preso chiari impegni sul Global Compact a livello internazionale.

Il 19 dicembre, per fare un esempio, siamo stati da Mattarella che, facendoci gli auguri di Natale, ci ha chiesto chiaramente di non isolarci, di ritrovare uno spirito europeo.

Ed è in questo solco che dobbiamo muoverci: servono soluzioni ragionate e globali a problemi complessi e globali. La strada non può essere quella della ricerca del consenso facile. Basta soffiare sulle paure.

Ti potrebbe interessare
Esteri / Kamala Harris ai migranti: “Non venite negli Stati Uniti, sarete rispediti indietro”
Migranti / La Danimarca approva una legge per ricollocare i richiedenti asilo fuori dall’Europa
Migranti / 40mila migranti respinti illegalmente dai Paesi europei (Italia inclusa): 2mila morti. L'inchiesta del Guardian
Ti potrebbe interessare
Esteri / Kamala Harris ai migranti: “Non venite negli Stati Uniti, sarete rispediti indietro”
Migranti / La Danimarca approva una legge per ricollocare i richiedenti asilo fuori dall’Europa
Migranti / 40mila migranti respinti illegalmente dai Paesi europei (Italia inclusa): 2mila morti. L'inchiesta del Guardian
Migranti / Naufragio al largo della Libia, Mezzaluna Rossa: "50 morti"
Migranti / Migranti: naufragio al largo della Libia, 11 corpi recuperati
Migranti / Senza gli immigrati l’economia italiana crollerebbe: ogni anno producono il 9% del Pil. Il rapporto della fondazione Leone Moressa
Migranti / Barcone con 56 persone a bordo si capovolge a largo della Libia, l’allarme di Unhcr
Migranti / Migranti, nessuna invasione: il rapporto che smentisce le fake news su chi arriva in Italia
Migranti / Ocean Viking, i 182 migranti sbarcheranno a Messina
Migranti / Migranti, sbarcati 108 migranti a Lampedusa. Il sindaco a TPI: "Hotspot strapieno"