Icona app
Leggi TPI direttamente dalla nostra app: facile, veloce e senza pubblicità
Installa
Banner abbonamento
Ultimo aggiornamento ore 18:35
Immagine autore
Lucarelli
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Di Battista
Home » News

Ecco quali sono le migliori lauree per trovare lavoro in Italia

Immagine di copertina

Uno studio dell'Osservatorio Talents Venture, redatto elaborando i dati di Almalaurea di chi ha un lavoro a un anno del conseguimento del titolo, ha stilato un elenco delle facoltà che aiutano a trovare un impiego

A quale facoltà universitaria iscriversi è una delle domande esistenziali di chi ha appena terminato gli studi superiori. Al dubbio fa eco un’altra domanda, posta invece da chi l’università l’ha finita: se, viste le attuali prospettive lavorative, la scelta presa è stata quella giusta o meno. Una risposta sembra arrivare da un recente studio dell’Osservatorio Talents Venture, redatto elaborando i dati di Almalaurea, che ha stilato un elenco delle facoltà che, a un anno dal conseguimento del titolo, aiutano a trovare un impiego.

Secondo le attuali classifiche, i corsi che permettono di ottenere un lavoro con maggiori possibilità di successo sono quelli dedicati alla difesa e alla sicurezza.

A seguire, invece, la laurea in ingegneria elettronica. I titoli meno redditizi, invece, sarebbero quelli in psicologia e biologia. Secondo la ricerca, i laureati in ingegneria elettronica sono soddisfatti della formazione universitaria ricevuta: il 92 per cento risulta occupato a un anno dalla corona d’alloro e come conseguenza solamente una minima parte di loro crede che sia possibile svolgere il proprio ruolo con un titolo non universitario.

Gli studenti meno soddisfatti sono invece i laureati in psicologia e biologia. Nel primo caso, il 40 per cento dei laureati ritiene che il corso di studi sia inadeguato per svolgere il proprio lavoro anche perché, tra chi ha portato a casa il titolo, solo il 45 per cento ha un impiego.

Il sentimento di insoddisfazione nei confronti del proprio percorso universitario è condiviso anche dal 65 per cento dei laureati del gruppo politico-sociale. Ad alimentare il sentimento di sfiducia, anche lo stipendio in tasca.

Nel caso di psicologia, a un anno della laurea, lo stipendio netto medio è di 670 euro mensili. In ambito letterario è di 863 euro e 959 euro mensili per il gruppo geo-biologico, come rilevato da Almalaurea. Si tratta, spesso, di impieghi che non hanno nulla a che vedere con gli studi svolti.

Sempre in riferimento allo stipendio, in cima alla classifica si collocano i laureati in ingegneria, con uno stipendio paro a 1407, i laureati nel settore economia e statistica, con uno stipendio pari a 1277 euro, e in giurisprudenza con 1271 euro al mese.

Ti potrebbe interessare
Esteri / Bernie Madoff e lo schema Ponzi: muore a 82 anni il più grande truffatore della storia americana
News / L’italiana Alessandra Galloni sarà la prima donna a dirigere l’agenzia Reuters in 170 anni di storia
Economia / I giovani lanciano gli Stati Generazionali: “Diamo voce a chi voce non ha”
Ti potrebbe interessare
Esteri / Bernie Madoff e lo schema Ponzi: muore a 82 anni il più grande truffatore della storia americana
News / L’italiana Alessandra Galloni sarà la prima donna a dirigere l’agenzia Reuters in 170 anni di storia
Economia / I giovani lanciano gli Stati Generazionali: “Diamo voce a chi voce non ha”
News / In difesa dello “stupratore razzista Montanelli” (di Luca Telese)
News / Dillo con una poesia: oggi è la Giornata Mondiale della Poesia e questi versi vi faranno bene all’anima
News / Notizie di oggi: l'agenda quotidiana di TPI
News / Notizie di oggi: l'agenda quotidiana di TPI
News / Notizie di oggi: l'agenda quotidiana di TPI
News / Notizie di oggi: l'agenda quotidiana di TPI
News / Notizie di oggi: l'agenda quotidiana di TPI