Icona app
Leggi TPI direttamente dalla nostra app: facile, veloce e senza pubblicità
Installa
Banner abbonamento
Ultimo aggiornamento ore 19:58
Immagine autore
Lucarelli
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Di Battista
Home » News

Ponte di Genova, nuovi indagati e perquisizioni per il crollo del Morandi

Immagine di copertina

Ad ottobre 2018 la Procura aveva indagato venti tra manager, dirigenti e funzionari del ministero delle Infrastrutture dei Trasporti.

Il 30 gennaio dieci nuove persone sono state indagate per il crollo del ponte Morandi di Genova, avvenuto il 14 agosto e che ha causato la morte di 43 persone.

Tra gli indagati risultano tecnici e dipendenti di Aspi e Spea con l’accusa di falso in procedimento connesso ai controlli sugli altri cinque viadotti in stato critico tra cui il Paolillo in Puglia e Pecetti e Sei Luci a Genova.

I finanzieri del Primo gruppo di Genova nella mattinata hanno perquisito le sedi di Spea e sono alla ricerca di documenti relativi ad altri cinque ponti e viadotti che sarebbero in condizioni di rischio tra Genova, Milano, Firenze, Bologna, Bari e Pescara.

Una delle strutture all’attenzione degli inquirenti sarebbe attiguo a Ponte Morandi e fa parte della bretella di collegamento tra la A7, la Milano-Genova, e lo svincolo autostradale di Genova-Sampierdarena.

Altri due viadotti invece si trovano a Bari e Pescara, mentre non si sa ancora quali sono gli ultimi due: si è preferito tenerli segreti per evitare allarmismi.

Le criticità sarebbero state raccontate dai 21 indagati e dai testimoni sentiti dal 14 agosto scorso ad oggi dai due pm Massimo Terrile e Walter Cotugno titolari dell’inchiesta.

Ad ottobre 2018 la Procura aveva indagato venti tra manager, dirigenti e funzionari del ministero delle Infrastrutture dei Trasporti.

Nello specifico, il provvedimento ha interessato responsabili di Autostrade e Spea, l’azienda di progettazione che fa parte sempre del gruppo Atlantia della famiglia Benetton, e funzionari del ministero che hanno avuto un ruolo nella approvazione dei lavori di messa in sicurezza del ponte.

Le ipotesi di reato sono omicidio colposo plurimo, disastro colposo e attentato colposo alla sicurezza dei trasporti.

La demolizione – Il cantiere per la demolizione dei monconi del Morandi è stato aperto nella sera del 14 dicembre ed è stato inaugurato il giorno seguente. Le prime fasi prevedono il posizionamento delle gru che nei prossimi mesi smonteranno ciò che resta della struttura.

L’8 febbraio invece è la data annunciata dal sindaco Bucci per la demolizione del moncone ovest del Morandi.

Ti potrebbe interessare
Esteri / Bernie Madoff e lo schema Ponzi: muore a 82 anni il più grande truffatore della storia americana
News / L’italiana Alessandra Galloni sarà la prima donna a dirigere l’agenzia Reuters in 170 anni di storia
Economia / I giovani lanciano gli Stati Generazionali: “Diamo voce a chi voce non ha”
Ti potrebbe interessare
Esteri / Bernie Madoff e lo schema Ponzi: muore a 82 anni il più grande truffatore della storia americana
News / L’italiana Alessandra Galloni sarà la prima donna a dirigere l’agenzia Reuters in 170 anni di storia
Economia / I giovani lanciano gli Stati Generazionali: “Diamo voce a chi voce non ha”
News / In difesa dello “stupratore razzista Montanelli” (di Luca Telese)
News / Dillo con una poesia: oggi è la Giornata Mondiale della Poesia e questi versi vi faranno bene all’anima
News / Notizie di oggi: l'agenda quotidiana di TPI
News / Notizie di oggi: l'agenda quotidiana di TPI
News / Notizie di oggi: l'agenda quotidiana di TPI
News / Notizie di oggi: l'agenda quotidiana di TPI
News / Notizie di oggi: l'agenda quotidiana di TPI