Icona app
Leggi TPI direttamente dalla nostra app: facile, veloce e senza pubblicità
Installa
Banner abbonamento
Ultimo aggiornamento ore 21:59
Immagine autore
Lucarelli
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Di Battista
Home » News

Cosa sta facendo il governo per fronteggiare l’emergenza terremoto

Immagine di copertina

Il premier Matteo Renzi ha lanciato l'idea di una Casa Italia, per mettere in sicurezza il territorio. Stanziati i primi 50 milioni e la sospensione delle tasse

Stato di emergenza. Sospensione delle tasse. I primi 50 milioni di euro. Casa Italia. Sono le decisioni prese dal premier Matteo Renzi e dal suo esecutivo durante la riunione del Consiglio dei ministri di ieri sera, 25 agosto, dopo il devastante sisma che ha colpito il centro Italia. 

“Fare presto è una priorità, sappiamo che passare l’inverno nelle tende in quei territori è una cosa molto dura. Vogliamo fare il più veloce possibile ma non siamo in grado di prevedere i tempi a distanza di 36 ore. Non è un settore per lanciarsi in sfide e promesse. Occorre il passo del maratoneta”, ha dichiarato il premier, dicendo di non volersi sbilanciare e fare promesse che poi non potranno essere mantenute.

E ricordando il post terremoto dell’Aquila ha detto: “oggi ci sono 93 cantieri aperti, nel 2014 si è ripartiti perché prima era tutto bloccato. I soldi ci sono, vanno spesi bene. È sciacallo il corrotto e il corruttore che rubano i soldi messi per la ricostruzione”, ha aggiunto. 

Ieri sera Renzi ha lanciato l’idea di una Casa Italia, per mettere in sicurezza il territorio. È un progetto di cui ancora non si conoscono i dettagli. Dovrebbe interessare sia fondi pubblici che privati, e anche fondi europei. 

Il pensiero che ci si ricordi di una politica edilizia solo all’indomani delle disgrazie è comune. Su questo ha puntato il governo Renzi, che ha fin da subito voluto marcare la differenza, almeno nelle intenzioni, dal governo Berlusconi e da come gestì la ricostruzione dopo il terremoto in Abruzzo nel 2009.

“Sulla gestione dell’emergenza siamo i più bravi al mondo, ma non basta. Dobbiamo avere una visione per la Casa Italia che sia capace ad affrontare una cultura sulla prevenzione sismica e le altre filiere. Il compito per il futuro, una volta che le emozioni profonde lasceranno spazio alle reazioni è il progetto di Casa Italia che sia serio e non sia un elenco di parole. Una operazione in cui chiamare insieme tutti i principali attori del nostro Paese, dalle associazioni di categoria ai sindacati, dal mondo dell’associazionismo fino per ragionare un progetto che sia il più serio e sistematico”, ha continuato il premier.

Niente più newtown è l’imperativo. Per non ricadere negli errori fatti a L’Aquila, quando interi quartieri satellite furono costruiti da zero lontani dai centri storici dei paesi distrutti. Anche il sindaco di Amatrice continua a ripeterlo: la nuova città dovrà essere ricostruita da zero sulle macerie della vecchia, allontanando l’idea di spostare il borgo lontano da dove si trova adesso e cancellare con un colpo di spugna le radici storiche di un popolo. 

Sul tema è intervenuto anche il ministro dei beni culturali Dario Franceschini: “Ci chiedono una ricostruzione dei borghi storici che sia fedele all’immagine che nei secoli questi centri storici hanno conservato, credo che sia una sfida che dovremmo raccogliere: l’Italia la deve a quelle comunità”, ha detto lui.

Intanto il Consiglio dei ministri ha deliberato lo stato di emergenza con i primi 50 milioni di euro e il blocco delle tasse che il ministro Padoan si appresta a firmare. 

Ti potrebbe interessare
Esteri / Bernie Madoff e lo schema Ponzi: muore a 82 anni il più grande truffatore della storia americana
News / L’italiana Alessandra Galloni sarà la prima donna a dirigere l’agenzia Reuters in 170 anni di storia
Economia / I giovani lanciano gli Stati Generazionali: “Diamo voce a chi voce non ha”
Ti potrebbe interessare
Esteri / Bernie Madoff e lo schema Ponzi: muore a 82 anni il più grande truffatore della storia americana
News / L’italiana Alessandra Galloni sarà la prima donna a dirigere l’agenzia Reuters in 170 anni di storia
Economia / I giovani lanciano gli Stati Generazionali: “Diamo voce a chi voce non ha”
News / In difesa dello “stupratore razzista Montanelli” (di Luca Telese)
News / Dillo con una poesia: oggi è la Giornata Mondiale della Poesia e questi versi vi faranno bene all’anima
News / Notizie di oggi: l'agenda quotidiana di TPI
News / Notizie di oggi: l'agenda quotidiana di TPI
News / Notizie di oggi: l'agenda quotidiana di TPI
News / Notizie di oggi: l'agenda quotidiana di TPI
News / Notizie di oggi: l'agenda quotidiana di TPI