Banner donazione
Ultimo aggiornamento ore 21:36
Immagine autore
Lucarelli
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Di Battista
Home » News

Il governo aveva promesso di tagliare le accise, e invece sta per aumentare il costo del carburante (ma è una buona notizia)

Immagine di copertina

Il governo giallo-verde, che aveva promesso di tagliare le accise già dal primo consiglio dei ministri, non solo non le ha tagliate, ma ha in programma aumenti al costo del carburante.

Il quotidiano la Repubblica ha rivelato un piano a cui sta lavorando il governo, in primis con la sottosegretaria al Tesoro Laura Castelli, del Movimento Cinque Stelle, e che prevede di tagliare le agevolazioni fiscali che danneggiano l’ambiente. Il piano prevede dunque di eliminare alcuni sconti sull’Iva, che pesano sulle casse dello stato per almeno 16 miliardi all’anno.

Si tratta in realtà di una buona notizia, dal momento che l’obiettivo del governo è tagliare le agevolazioni di cui attualmente gode chi inquina l’ambiente.

“Stiamo lavorando sulle tax expenditures per una revisione complessiva in un’ottica di produttività ed efficienza”, aveva dichiarato nei giorni scorsi il premier Conte.

Si tratta in sostanza di una razionalizzazione delle 466 agevolazioni fiscali esistenti che se eliminate farebbero risparmiare allo stato circa 54,9 miliardi sul bilancio 2019. Questi “sconti” vanno sotto il nome di “Sad”, sussidi ambientalmente dannosi.

Questi sconti andranno a inserirsi nel prossimo Documento di economia e finanza (Def) che dovrà essere varato entro il 10 aprile.

Una delle oltre 400 misure che andrebbe cancellata è quella che riguarda l’equiparazione dell’accisa sul diesel a quella sulla benzina. Il diesel, che è più inquinante della benzina, al momento è soggetto a uno sconto fiscale, che il piano del governo andrebbe ad eliminare.

Un’altra misura riguarda le compagnie aeree: il governo vorrebbe tagliare l’esenzione delle accise sul carburante di cui attualmente godono le flotte aeree.

Una misura simile interessa le navi. Il governo vuole tagliare l’esenzione dell’accisa sul bunker fuel.

Si tratta di buone notizie per quanto riguarda l’impatto ambientale e quello sulle casse dello stato. Un po’ meno per quanto riguarda il portafogli dei contribuenti.

In Italia le accise sul carburante sono tra le più alte al mondo, come avevamo spiegato in questo articolo.

Ti potrebbe interessare
Esteri / Bernie Madoff e lo schema Ponzi: muore a 82 anni il più grande truffatore della storia americana
News / L’italiana Alessandra Galloni sarà la prima donna a dirigere l’agenzia Reuters in 170 anni di storia
Economia / I giovani lanciano gli Stati Generazionali: “Diamo voce a chi voce non ha”
Ti potrebbe interessare
Esteri / Bernie Madoff e lo schema Ponzi: muore a 82 anni il più grande truffatore della storia americana
News / L’italiana Alessandra Galloni sarà la prima donna a dirigere l’agenzia Reuters in 170 anni di storia
Economia / I giovani lanciano gli Stati Generazionali: “Diamo voce a chi voce non ha”
News / In difesa dello “stupratore razzista Montanelli” (di Luca Telese)
News / Dillo con una poesia: oggi è la Giornata Mondiale della Poesia e questi versi vi faranno bene all’anima
News / Notizie di oggi: l'agenda quotidiana di TPI
News / Notizie di oggi: l'agenda quotidiana di TPI
News / Notizie di oggi: l'agenda quotidiana di TPI
News / Notizie di oggi: l'agenda quotidiana di TPI
News / Notizie di oggi: l'agenda quotidiana di TPI