Banner donazione
Ultimo aggiornamento ore 21:36
Immagine autore
Lucarelli
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Di Battista
Home » News

Italiani sempre più mammoni: 2 giovani su 3 vivono a casa con i genitori

Immagine di copertina

Lo rivela uno studio Eurostat: la media dei paesi Ue è del 50 per cento

Gli italiani si confermano mammoni. Secondo gli ultimi dati diffusi da Eurostat, nel 2017 sono aumentati i giovani tra i 18 e i 34 anni che vivono in casa con i genitori.

La percentuale è passata dal 65,8 per cento del 2016 al 66,4 per cento. Ciò significa che ben due giovani su tre non riescono o non vogliono rendersi autonomi lasciando l’abitazione dei genitori.

Solo tre paesi, in Europa, fanno registrare una percentuale di mammoni più alta della nostra: si tratta di Grecia, Croazia e Malta.

Particolarmente significativo è il dato di chi rimane coi genitori nella fascia di età tra i 25 e i 34 anni, ovvero il 49,3 per cento (la media Ue è del 30 per cento).

Nel Regno Unito, prendendo in considerazione la stessa fascia di età, la percentuale di chi vive coi genitori è del 14,9 per cento, in Francia del 13,5, in Germania del 17,3, mentre nei paesi del Nord Europa si va su percentuali ancora più basse: 4,7 per cento in Finandia, addirittura 3,2 in Danimarca.

I maschi, in Italia, sono più mammoni delle femmine: il dato infatti è del 72,7 per cento per gli uomini e del 59,8 per cento per le donne.

Interessante anche lo stato occupazionale dichiarato da chi vive coi genitori: il 26,2 per cento ha un impiego a tempo pieno, il 5,6 un impiego part time. I disoccupati sono il 22,8 per cento, mentre il 3,6 per cento è inattivo.

La percentuale maggiore è rappresentata dagli studenti: 41,8 per cento.

Sono dati che confermano la tendenza dei nostri giovani a rendersi autonomi molto tardi: influiscono sia fattori culturali sia, ovviamente, economici, sebbene l’Italia, in questa classifica, sia dietro anche a paesi europei con un alto livello di disoccupazione, come ad esempio la Spagna.

La media complessiva di mammoni nei paesi Ue è del 50 per cento, 15 punti percentuali in meno rispetto a quella italiana.

Nella fascia di età 25-34, invece, il gap è di ben 19 punti percentuali (49 per cento in Italia contro il 30 di media nei paesi Ue).

Leggi anche: La classifica dei paesi europei in cui si trova più facilmente lavoro

Ti potrebbe interessare
Esteri / Bernie Madoff e lo schema Ponzi: muore a 82 anni il più grande truffatore della storia americana
News / L’italiana Alessandra Galloni sarà la prima donna a dirigere l’agenzia Reuters in 170 anni di storia
Economia / I giovani lanciano gli Stati Generazionali: “Diamo voce a chi voce non ha”
Ti potrebbe interessare
Esteri / Bernie Madoff e lo schema Ponzi: muore a 82 anni il più grande truffatore della storia americana
News / L’italiana Alessandra Galloni sarà la prima donna a dirigere l’agenzia Reuters in 170 anni di storia
Economia / I giovani lanciano gli Stati Generazionali: “Diamo voce a chi voce non ha”
News / In difesa dello “stupratore razzista Montanelli” (di Luca Telese)
News / Dillo con una poesia: oggi è la Giornata Mondiale della Poesia e questi versi vi faranno bene all’anima
News / Notizie di oggi: l'agenda quotidiana di TPI
News / Notizie di oggi: l'agenda quotidiana di TPI
News / Notizie di oggi: l'agenda quotidiana di TPI
News / Notizie di oggi: l'agenda quotidiana di TPI
News / Notizie di oggi: l'agenda quotidiana di TPI