Icona app
Leggi TPI direttamente dalla nostra app: facile, veloce e senza pubblicità
Installa
Banner abbonamento
Ultimo aggiornamento ore 13:46
Immagine autore
Lucarelli
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Di Battista
Home » News

Giornata per le vittime della mafia, migliaia in marcia da Palermo ad Aosta

Immagine di copertina

Come ogni 21 marzo, in Italia si celebra la giornata per ricordare le vittime della mafia. In tutto il paese sono tanti i cortei organizzati da Libera e Avviso Pubblico contro la mafia, mentre la piazza principale è quella di Padova, dove interviene don Luigi Ciotti.

Nella città veneta sono presenti oltre 30mila persone, secondo la questura.

“Vogliamo liberare la società dalle mafie. È un traguardo doveroso e possibile, che richiede a tutti impegno, coerenza, piena coscienza delle nostre responsabilità di cittadini”, ha detto il presidente della Repubblica Sergio Mattarella in un messaggio.

Sono moltissimi i pullman arrivati da tutta Italia per prendere parte alla 24esima giornata della memoria e dell’impegno in ricordo di tutte le vittime innocenti delle mafie di Padova.

Contemporaneamente si svolgono cortei tra cui Catanzaro, Aosta, Palermo, Sanremo e Brindisi.

A Padova, come ogni anno, vengono letti i nomi delle circa mille vittime innocenti della mafia.

“Se le mafie oggi sparano meno è perché i mafiosi sono diventati imprenditori. Una mafia imprenditoriale che si è insediata nel tessuto sociale senza trovare opposizione. Le mafie non sono un mondo a parte, gridiamo da vent’anni, ma è un grido finito troppo spesso nel vuoto”, ha detto Don Ciotti alla veglia celebrata il 20 marzo alla basilica di Sant’Antonio da Padova.

“Oggi siamo nella nostra Padova per dire che l’impegno parte dalla consapevolezza. Vanno rotti muri di ipocrisia e la prima consapevolezza che soprattutto come amministratori dobbiamo urlare è che le mafie ci sono anche a nord est”, ha detto il sindaco di Padova Sergio Giordani.

Tra gli slogan urlati e scritti sugli striscioni dei manifestanti i tanti grandi classici, da “Le loro idee camminano sulle nostre gambe”, a “La mafia uccide, il silenzio pure”.

Alcune immagini:

L’Aquila
Sestri Levante
Padova
Sanremo
Ti potrebbe interessare
Esteri / Bernie Madoff e lo schema Ponzi: muore a 82 anni il più grande truffatore della storia americana
News / L’italiana Alessandra Galloni sarà la prima donna a dirigere l’agenzia Reuters in 170 anni di storia
Economia / I giovani lanciano gli Stati Generazionali: “Diamo voce a chi voce non ha”
Ti potrebbe interessare
Esteri / Bernie Madoff e lo schema Ponzi: muore a 82 anni il più grande truffatore della storia americana
News / L’italiana Alessandra Galloni sarà la prima donna a dirigere l’agenzia Reuters in 170 anni di storia
Economia / I giovani lanciano gli Stati Generazionali: “Diamo voce a chi voce non ha”
News / In difesa dello “stupratore razzista Montanelli” (di Luca Telese)
News / Dillo con una poesia: oggi è la Giornata Mondiale della Poesia e questi versi vi faranno bene all’anima
News / Notizie di oggi: l'agenda quotidiana di TPI
News / Notizie di oggi: l'agenda quotidiana di TPI
News / Notizie di oggi: l'agenda quotidiana di TPI
News / Notizie di oggi: l'agenda quotidiana di TPI
News / Notizie di oggi: l'agenda quotidiana di TPI