Icona app
Leggi TPI direttamente dalla nostra app: facile, veloce e senza pubblicità
Installa
Banner abbonamento
Cerca
Ultimo aggiornamento ore 08:59
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Stille
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Di Battista
Home » News

“Le pere sono mature e l’albero è spoglio”: il messaggio in codice di Giachetti ai deputati del Pd

Immagine di copertina

Durante i lavori della Camera il parlamentare ha tenuto un intervento che in pochi hanno capito: è stato lui stesso, qualche ora dopo, a spiegarne il senso su Facebook

Giovedì 12 luglio 2018, durante una normale seduta parlamentare, Roberto Giachetti, deputato del Partito democratico, ha tenuto un intervento del quale in pochi hanno capito il significato.

“Mi rivolgo ai deputati del mio gruppo pregandoli di fare particolare attenzione, a quelli che sono in aula ma soprattutto a quelli che sono fuori”, ha esordito.

“Da questo momento, colleghi, in base a quanto abbiamo stabilito oggi nella riunione del nostro gruppo, scatta lo schema 2: le pere sono mature e l’albero è spoglio. Ripeto: le pere sono mature e l’albero è spoglio”, ha detto.

“Pregherei tutti deputati del mio gruppo, dentro e soprattuto fuori da quest’aula, di prenderne atto”, ha concluso il deputato.

L’intervento ha lasciato interdetti molti di coloro che lo hanno ascoltato. Le frasi di Giachetti sono sembrate quasi un messaggio in codice.

È stato lo stesso parlamentare del Pd, qualche ora dopo, a spiegare il senso delle sue parole.

Giachetti voleva richiamare l’attenzione dell’aula sul fatto che molti colleghi della maggioranza non erano presenti mentre si stava discutendo il caso del tribunale di Bari, la cui sede, scelta dal governo, sarebbe di proprietà di persone legate alla criminalità organizzata.

“Oggi, dopo ore di battaglia alla Camera per chiedere al ministro Bonafede di riferire su quanto scritto da La Repubblica circa la seria possibilità che lo stabile individuato dal ministro per la sede provvisoria del tribunale di Bari sia seriamente legato a personaggi riferibili alla criminalità organizzata, sono intervenuto per stigmatizzare la responsabilità di gran parte della maggioranza che era fuori dell’aula a farsi i fatti suoi invece di seguire il dibattito”, ha scritto Giachetti sul suo profilo social.

“Perdonatemi se ho usato un luogo così sacro per prenderli un po’ in giro, con un intervento che voleva fargli credere che fosse un messaggio in codice!”.

 

 

Ti potrebbe interessare
Esteri / Bernie Madoff e lo schema Ponzi: muore a 82 anni il più grande truffatore della storia americana
News / L’italiana Alessandra Galloni sarà la prima donna a dirigere l’agenzia Reuters in 170 anni di storia
Economia / I giovani lanciano gli Stati Generazionali: “Diamo voce a chi voce non ha”
Ti potrebbe interessare
Esteri / Bernie Madoff e lo schema Ponzi: muore a 82 anni il più grande truffatore della storia americana
News / L’italiana Alessandra Galloni sarà la prima donna a dirigere l’agenzia Reuters in 170 anni di storia
Economia / I giovani lanciano gli Stati Generazionali: “Diamo voce a chi voce non ha”
News / In difesa dello “stupratore razzista Montanelli” (di Luca Telese)
News / Dillo con una poesia: oggi è la Giornata Mondiale della Poesia e questi versi vi faranno bene all’anima
News / Notizie di oggi: l'agenda quotidiana di TPI
News / Notizie di oggi: l'agenda quotidiana di TPI
News / Notizie di oggi: l'agenda quotidiana di TPI
News / Notizie di oggi: l'agenda quotidiana di TPI
News / Notizie di oggi: l'agenda quotidiana di TPI