Icona app
Leggi TPI direttamente dalla nostra app: facile, veloce e senza pubblicità
Installa
Banner abbonamento
Cerca
Ultimo aggiornamento ore 19:59
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Stille
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Di Battista
Home » News

Forza Nuova attacca il professore che ospita migranti in casa sua: “Immigrato adottato italiano abbandonato”

Immagine di copertina

All’ingresso del liceo classico “Antonio Canova” di Treviso sono stati affissi dei manifesti dove la scritta “Immigrato adottato italiano abbandonato. L’immigrazione non è forza, ma solo business” campeggia su un ritratto di famiglia, quella allargata del professor Antonio Silvio Calò.

Il professore, che in quell’istituto ci lavora, ha commesso un qualcosa che i militanti di Forza Nuova – i quali hanno pensato e attaccato quel manifesto – non potevano fargli passare liscia: dare ospitalità dal 2015 a sei ragazzi, sei migranti arrivati in Italia su di un barcone.

Per il movimento di estrema destra, infatti, è proprio inconcepibile che Antonio Silvio e sua moglie Nicoletta ospitino nella loro villetta di Camalò i sei migranti, i quali al momento stanno vivendo con i loro quattro figli mentre i coniugi si sono trasferiti nella canonica della chiesa di Santa Maria sul Sile. Il giardino della canonica, per altro, ha un simbolo importante: una barca, messa lì proprio a simboleggiare il viaggio e l’accoglienza.

Repubblica, per tale ragione, ha intervistato il professor Calò, il quale racconta di aver ricevuto diverse minacce e insulti da parte del movimento di estrema destra guidato da Roberto Fiore. “Abbiamo ricevuto intimidazioni, e tanti insulti. Queste persone sono impunite. Non si può continuare così”, sono le parole amareggiate del professore, che non si sente tutelato di fronte a queste persone che “si sentono legittimate ad offendere, accusare, minacciare e dire qualsiasi cosa”.

Nel manifesto, per altro, c’è anche un riferimento a un passo del libro della moglie del docente intitolato A casa nostra. I nuovi ragazzi della famiglia Calò, cosa che dimostra quanto i militanti di Forza Nuova prestino attenzione alle attività del professore. “Questi ragazzi sono una benedizione per una società asfittica e implosiva come la nostra, un’iniezione di vitalità, forza, coraggio che abbiamo dimenticato , una carica di valore e umanità”, è il passaggio in questione. “Nello scrivere il suo libro – ha chiarito Calò – mia moglie si è mossa su un piano familiare e spirituale. Non è andata a spiegare questioni giuridiche, tecniche o economiche”.

Il professore, comunque, non ha paura di queste minacce, e dice che “in un momento così critico” in Italia “è importante la dimostrazione diretta e il coraggio del sapere e della conoscenza”. I ragazzi che vivono in casa sua sono tutte “vittime” del decreto Salvini, e Calò li aiuta a combattere le loro battaglie per non essere costretti a fare ritorno nei propri paesi, dove i ragazzi sarebbero in pericolo.

Il docente ha inoltre tenuto a sottolineare che i ragazzi qui in Italia lavorano con contratto a tempo indeterminato: “Noi abbiamo fatto di tutto per applicare il modello 6x6x6 sulla seconda accoglienza e l’inclusione integrata che abbiamo elaborato. Hanno fatto tutto il percorso: hanno imparato l’italiano, sono andati a scuola, hanno fatto volontariato e attività sportive. Hanno fatto un inserimento progressivo e un tirocinio professionalizzante e poi sono entrati al lavoro. Un percorso che è durato due anni e mezzo e loro si sono inseriti in maniera corretta. Per questo rimango esterrefatto di fronte a questi attacchi”, ha spiegato Calò, che per il suo impegno ha anche ricevuto un encomio da Sergio Mattarella.

Non solo: Calò ha ricevuto il premio Europeo dell’Anno e la sua famiglia è la protagonista del docufilm “Dove vanno le nuvole”. Quando gli hanno chiesto se pensa di candidarsi alle elezioni europee lui ha risposto che “sì, assolutamente”. “Abbiamo ereditato un’Europa di pace e dobbiamo lasciare un’Europa con un’idea di sviluppo pacifico”, ha poi aggiunto il professore, il quale rivela di  aver ricevuto “più di un’offerta” da parte del centrosinistra.

Ti potrebbe interessare
Esteri / Bernie Madoff e lo schema Ponzi: muore a 82 anni il più grande truffatore della storia americana
News / L’italiana Alessandra Galloni sarà la prima donna a dirigere l’agenzia Reuters in 170 anni di storia
Economia / I giovani lanciano gli Stati Generazionali: “Diamo voce a chi voce non ha”
Ti potrebbe interessare
Esteri / Bernie Madoff e lo schema Ponzi: muore a 82 anni il più grande truffatore della storia americana
News / L’italiana Alessandra Galloni sarà la prima donna a dirigere l’agenzia Reuters in 170 anni di storia
Economia / I giovani lanciano gli Stati Generazionali: “Diamo voce a chi voce non ha”
News / In difesa dello “stupratore razzista Montanelli” (di Luca Telese)
News / Dillo con una poesia: oggi è la Giornata Mondiale della Poesia e questi versi vi faranno bene all’anima
News / Notizie di oggi: l'agenda quotidiana di TPI
News / Notizie di oggi: l'agenda quotidiana di TPI
News / Notizie di oggi: l'agenda quotidiana di TPI
News / Notizie di oggi: l'agenda quotidiana di TPI
News / Notizie di oggi: l'agenda quotidiana di TPI