Icona app
Leggi TPI direttamente dalla nostra app: facile, veloce e senza pubblicità
Installa
Banner abbonamento
Ultimo aggiornamento ore 12:36
Immagine autore
Lucarelli
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Di Battista
Home » News

Jeffrey, il Ghana e i fantasmi senza cittadinanza – VIDEO

Immagine di copertina

Il video di Valerio Maggio durante il flash mob organizzato a Roma e in altre città italiane da quegli italiani che per la legge non possono essere riconosciuti come tali

Fantasmi in Piazza della Rotonda a Roma. Fantasmi senza cittadinanza, per la precisione. Sono i molti figli di immigrati che ancora oggi vivono senza cittadinanza, pur essendo nati in Italia o arrivati nel nostro paese prima del compimento dei 18 anni di età. Sono i cittadini-ponte, esistenze a metà fra l’Italia, a cui sentono di appartenere e che appartiene loro, e il paese d’origine dei propri genitori. 

Roma, Bologna, Palermo, Napoli sono alcune delle città che hanno ospitato il 13 ottobre manifestazioni e flash mob organizzati dalle cosiddette G2, seconde generazioni: gli italiani senza cittadinanza. Giuridicamente in sospeso a causa dello ius sanguinis, diritto di sangue, che regola l’accesso alla cittadinanza nel nostro paese.

LA TESTIMONIANZA DI JEFFREY (Il pezzo prosegue dopo il video): 

Le manifestazioni si sono tenute il 13 ottobre perché questa è una data significativa. Risale infatti a esattamente un anno prima, il 13 ottobre 2015, l’approvazione alla camera del disegno di legge che mira a modificare il sistema fondato sullo ius sanguinis. La legge, passata con 310 favorevoli, 66 contrari e 83 astenuti, un anno fa, ancora oggi, è ferma al senato. Non si tratta, tuttavia, dell’istituzione di un vero e proprio ius soli, il testo di legge prevede bensì due modi per acquisire la cittadinanza: lo “ius soli temperato” e lo “ius culturae”

Secondo lo ius soli temperato potranno richiedere la cittadinanza italiana tutti i minori figli di stranieri che abbiano almeno un genitore in possesso del permesso di soggiorno Ue di lungo periodo. Per quanto riguarda lo ius culturae, la cittadinanza in questo caso è legata alla frequenza scolastica. Potrà diventare cittadino italiano il minore che, nato in Italia o arrivato entro i 12 anni, abbia concluso almeno un ciclo scolastico nel nostro paese. 

— LEGGI ANCHE: TUTTO QUELLO CHE C’È DA SAPERE SULLA CITTADINANZA IN ITALIA

Ti potrebbe interessare
Esteri / Bernie Madoff e lo schema Ponzi: muore a 82 anni il più grande truffatore della storia americana
News / L’italiana Alessandra Galloni sarà la prima donna a dirigere l’agenzia Reuters in 170 anni di storia
Economia / I giovani lanciano gli Stati Generazionali: “Diamo voce a chi voce non ha”
Ti potrebbe interessare
Esteri / Bernie Madoff e lo schema Ponzi: muore a 82 anni il più grande truffatore della storia americana
News / L’italiana Alessandra Galloni sarà la prima donna a dirigere l’agenzia Reuters in 170 anni di storia
Economia / I giovani lanciano gli Stati Generazionali: “Diamo voce a chi voce non ha”
News / In difesa dello “stupratore razzista Montanelli” (di Luca Telese)
News / Dillo con una poesia: oggi è la Giornata Mondiale della Poesia e questi versi vi faranno bene all’anima
News / Notizie di oggi: l'agenda quotidiana di TPI
News / Notizie di oggi: l'agenda quotidiana di TPI
News / Notizie di oggi: l'agenda quotidiana di TPI
News / Notizie di oggi: l'agenda quotidiana di TPI
News / Notizie di oggi: l'agenda quotidiana di TPI