Banner donazione
Ultimo aggiornamento ore 16:39
Immagine autore
Lucarelli
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Di Battista
Home » News

Donne, frequentate i bianchi buoni o diventerete sterili

Immagine di copertina

Guardando la nuova campagna sul Fertility Day, il sospetto che lo stesso Joseph Goebbels abbia aiutato i grafici del ministero della Salute si fa sempre più concreto

“Non è piaciuta? Ne facciamo una nuova”. Aveva esordito così la ministra della Salute Beatrice Lorenzin, lo scorso 1 settembre 2016, in seguito alla valanga di polemiche scaturite dalla – discutibile – campagna per il Fertility Day. L’improvviso e urgente desiderio di promuovere la salute riproduttiva di noi donne da parte del Ministero ha causato una vera e propria bufera mediatica. E forse non a caso. 

La bellezza non ha età, la fertilità si. 

Donne sbrigatevi a fare figli, insomma. Per non citare i restanti opuscoli della precedente campagna, questo è solo uno dei sussurrati imperativi categorici della Lorenzin. Come se noi donne fossimo appunto dei forni a incasso ventilato con timer, e la nostra esistenza fosse esclusivamente vincolata a questa terribile corsa contro il tempo. Come se l’avere un figlio fosse la nostra unica missione da portare a termine. E se ne fai tre anziché uno, ancora meglio. Sul sito del Fertily Day c’é addirittura un countdown, una banale coincidenza? 

L’abbiamo perdonata. Ci abbiamo riso sopra. In fondo una donna senza figli può servire a tante altre cose: può tenere i figli dell’amica, stirare i fazzoletti di stoffa, riempire e svuotare scatole, controllare se un quadro è dritto, appoggiare la testa su un mucchio di fogli in ufficio e fare da fermacarte…O no? Questa era stata la risposta di Terzo Segreto di Satira alla campagna del Ministero della Salute, ideata con un ironico video sulla condizione delle donne. 

Se pensavate di essere tornati all’età della pietra, vi sbagliavate. Al peggio non c’è mai fine, dicevano. Ed ecco infatti che arrivano, freschi freschi, e come promesso, i nuovi opuscoli per il Fertility Day 2016. 

Se prima i figli andavano concepiti senza una ruga in viso, e magari pure senza un contratto di lavoro stabile, e alla svelta (perché mettendo su famiglia a trentacinque anni si rischia di essere poco creativi, secondo il Ministero), adesso la Lorenzin ci consiglia di non frequentare persone di colore o donne dai capelli afro, per prevenire la sterilità e l’infertilità. È meglio non farsi le canne e passare preferibilmente i proprio pomeriggi con famiglie ariane che fanno la pulizia dentale almeno una volta l’anno. 

Il sospetto che lo stesso Joseph Goebbels abbia dato una mano ai grafici del Ministero della Salute direttamente dall’aldilà si fa sempre più concreto. E bisognerebbe forse incoraggiare il team creativo a non scegliere dalla banca immagini la stessa fotografia utilizzata da un centro per impianti dentali in Gran Bretagna e magari a rivedere l’inventario di proposte per incoraggiare gli italiani a fare figli, se proprio devono farlo. 

Donne, da domani, per promuovere al meglio la vostra salute riproduttiva, solo corse in spiaggia con i parenti olandesi. Dimenticatevi per sempre di sedervi per terra su uno scalino accanto a ragazzi di colore che non usano la spazzola. Perché in fondo il razzismo, come dice la Lorenzin, è solo negli occhi di guarda. 

— LEGGI ANCHE: Cos’è il fertility day e perché fa tanto discutere

Fertility day: ma l’avere figli è ancora solo compito delle donne

L’infertilità in Italia è davvero un problema? 5 risposte dati alla mano

Ti potrebbe interessare
Esteri / Bernie Madoff e lo schema Ponzi: muore a 82 anni il più grande truffatore della storia americana
News / L’italiana Alessandra Galloni sarà la prima donna a dirigere l’agenzia Reuters in 170 anni di storia
Economia / I giovani lanciano gli Stati Generazionali: “Diamo voce a chi voce non ha”
Ti potrebbe interessare
Esteri / Bernie Madoff e lo schema Ponzi: muore a 82 anni il più grande truffatore della storia americana
News / L’italiana Alessandra Galloni sarà la prima donna a dirigere l’agenzia Reuters in 170 anni di storia
Economia / I giovani lanciano gli Stati Generazionali: “Diamo voce a chi voce non ha”
News / In difesa dello “stupratore razzista Montanelli” (di Luca Telese)
News / Dillo con una poesia: oggi è la Giornata Mondiale della Poesia e questi versi vi faranno bene all’anima
News / Notizie di oggi: l'agenda quotidiana di TPI
News / Notizie di oggi: l'agenda quotidiana di TPI
News / Notizie di oggi: l'agenda quotidiana di TPI
News / Notizie di oggi: l'agenda quotidiana di TPI
News / Notizie di oggi: l'agenda quotidiana di TPI