Covid ultime 24h
casi +9.938
deceduti +73
tamponi +98.862
terapie intensive +47

Non chiedo soldi ma fiducia per il mio papà: l’esperimento sociale del giovane mendicante

In Italia un milione di bambini vivono in condizioni di povertà assoluta. Il video mira a sensibilizzare l'opinione pubblica in modo diverso sul tema della disoccupazione

Di TPI
Pubblicato il 6 Ott. 2016 alle 17:08
0
Immagine di copertina

In una mattinata assolata di luglio, Stefano, con il suo zaino in spalla raggiunge la stazione centrale di Milano, si siede in un angolo e tira fuori un cartello. 

Dopo qualche minuto, alcuni passanti che transitano nello spiazzo intorno alla stazione Cadorna notano quel bambino accovacciato in un angolo. 

Una donna si avvicina e come gesto immediato tira fuori il suo borsello e porge una moneta al bambino, il quale rifiuta precisando che non vuole né soldi, né tanto meno cibo. 

Un’altra passante si avvicina poco dopo e gli domanda a quale nazionalità appartenga. Stefano risponde di essere italiano. Un altro gruppo di ragazze si ferma per depositare qualche moneta, ma anche in quel caso la risposta è la medesima. Nel momento in cui il bambino rifiuta i soldi, una di loro risponde con una punta di fastidio: “Se non ti do soldi, allora cosa ti posso dare?”. 

Quello che Stefano chiede è ben diverso, così come recita anche la scritta sul cartone: “Non darmi soldi. Dai fiducia al mio papà”. 

Ma gli italiani sono disposti a fare qualcosa di diverso, intangibile eppure così fondamentale come donare fiducia? A questa domanda ha cercato di rispondere il primo esperimento sociale in Italia sul tema della povertà e della disoccupazione realizzato dall’associazione no-profit – Fondazione L’Albero della Vita onlus – che ha dato il via alla campagna di sensibilizzazione #iodonofiducia.

Nel nostro paese, secondo l’ultimo rapporto Istat del 2015, oltre un milione di bambini vivono in condizioni di povertà assoluta: un minore su dieci. Mentre resta invariata la percentuale dell’incidenza della povertà assoluta e di quella relativa sul sistema-Italia, cresce ancora il numero di chi è colpito da una condizione di povertà assoluta: 4,1 milioni di persone nel 2014 passano a 4,6 milioni nel 2015 (il dato più alto dal 2005 ad oggi).

Su loro pesano come un macigno le disuguaglianze economiche e sociali, impedendo loro di vivere con dignità e, di conseguenza, di garantire una vita piena e serena ai loro figli.

Non è un caso, infatti, che siano proprio le famiglie numerose quelle maggiormente colpite dalla povertà: nuclei in cui molto spesso i genitori hanno tra i 45 e i 54 anni, svolgono un lavoro molto umile o, nei casi più gravi, lo hanno perso e non riescono a trovarne un altro. 

L’Idea dell’esperimento sociale è nata principalmente dalla consapevolezza di un aumento sempre più preoccupante del numero di bambini che vivono al di sotto della soglia di povertà, e parallelamente dalla volontà di combattere la povertà in maniera differente rispetto al tradizionale approccio assistenzialistico. 

Questo progetto vuole mostrare che per uscire dalla povertà e dalla situazione di disagio che essa comporta occorre ricominciare ad avere e soprattutto ricevere fiducia: per ritrovare speranza e ricominciare a credere nel rapporto con gli altri, per uscire dall’incertezza economica e dal disagio sociale, per trovare un lavoro dopo averlo perso.

“La povertà colpisce i bambini più degli adulti. Li colpisce oggi e porta la sua ombra verso il futuro, limitando le aspirazioni dei più piccoli quanto dei più grandi. Per combatterla occorre sostenere i genitori nel disegnare un futuro diverso per sé stessi e per i propri figli, offrendo loro opportunità di salute, di educazione e di socializzazione”; ha dichiarato Ivano Abbruzzi presidente della Fondazione. 

Donare fiducia significa allora consentire a chi ha perso tutto di riappropriarsi in primo luogo dei propri valori. Ecco perché anche solo un piccolo gesto può servire a creare un’opportunità dalla quale far iniziare il cambiamento. 

(Qui sotto il video)

0
Accesso

Se non ricordi la tua password o in precedenza usavi un account social (Facebook, Google) per accedere, richiedi una nuova password.