Icona app
Leggi TPI direttamente dalla nostra app: facile, veloce e senza pubblicità
Installa
Banner abbonamento
Ultimo aggiornamento ore 08:56
Immagine autore
Lucarelli
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Di Battista
Home » News

Gli strafalcioni grammaticali più diffusi sui social network

Immagine di copertina

La lista, ironica e leggera, degli errori e orrori più famosi e usati dal popolo del web

Universitari italiani che scrivono come o peggio di alunni di terza elementare, errori grossolani e inaccettabili: pochi giorni fa la lettera degli oltre seicento accademici italiani denunciava il livello della lingua scritta e parlata degli studenti italiani.

Ecco la lista degli strafalcioni più comuni, degli “orrori” più famosi e usati dal popolo  del web:

• La “o” accentata di pò al posto dell’apostrofo. Po’ è l’abbreviazione della parola “poco”, l’apostrofo in questo caso è una troncatura.

• Si scrive sono d’accordo, e non sono daccordo.

• “Qual è” non si apostrofa, rappresenta un troncamento e non un’elisione.

• Numero infinito di puntini sospensivi. I puntini di sospensione sono tre.

• Quì, quà. “Su qui e su qua l’accento non va, su lì e su là l’accento ci va”, recitava un adagio.

• Và. Su “va” l’accento non va mai.

• “Sta” (si sta bene) e “fa” (mi fa male) non vogliono l’accento.

• “Sì” come particella affermativa si accenta sempre.

• “Affianco” è la prima persona singolare del presente indicativo del verbo affiancare. Per esprimere qualcosa che è al lato di qualcosa, si scrive “a fianco”.

• Apposto, affianco, avvolte. “Apposto” è la forma del participio passato del verbo apporre. Se vogliamo intendere “tutto in ordine”, dobbiamo scrivere “tutto a posto” staccato. Se vogliamo scrivere “di tanto in tanto” dobbiamo scrivere staccato, a volte. 

• “Accelerare” si scrive con una sola elle.

• Apparte, a parte. Si scrive “A parte tutto” e non “Apparte tutto”

• Non c’è la posso fare. Ce la possiamo fare, fidatevi!

La top ten degli “orrori” secondo Il Libraio:

• se io sarei

• ke ai fatto?

• buon hanno

• pultroppo

• propio

• ti penzo

• d’avvero

• addomani

• per senpre

• un’abbraccio

**Non restare fuori dal mondo. Iscriviti qui alla newsletter di TPI e ricevi ogni sera i fatti essenziali della giornata.**

Ti potrebbe interessare
Esteri / Bernie Madoff e lo schema Ponzi: muore a 82 anni il più grande truffatore della storia americana
News / L’italiana Alessandra Galloni sarà la prima donna a dirigere l’agenzia Reuters in 170 anni di storia
Economia / I giovani lanciano gli Stati Generazionali: “Diamo voce a chi voce non ha”
Ti potrebbe interessare
Esteri / Bernie Madoff e lo schema Ponzi: muore a 82 anni il più grande truffatore della storia americana
News / L’italiana Alessandra Galloni sarà la prima donna a dirigere l’agenzia Reuters in 170 anni di storia
Economia / I giovani lanciano gli Stati Generazionali: “Diamo voce a chi voce non ha”
News / In difesa dello “stupratore razzista Montanelli” (di Luca Telese)
News / Dillo con una poesia: oggi è la Giornata Mondiale della Poesia e questi versi vi faranno bene all’anima
News / Notizie di oggi: l'agenda quotidiana di TPI
News / Notizie di oggi: l'agenda quotidiana di TPI
News / Notizie di oggi: l'agenda quotidiana di TPI
News / Notizie di oggi: l'agenda quotidiana di TPI
News / Notizie di oggi: l'agenda quotidiana di TPI