Covid ultime 24h
casi +24.099
deceduti +814
tamponi +212.714
terapie intensive -30

Da Napoli a Torino tutte senza reggiseno: ecco le donne che solidarizzano con Carola Rackete| FOTO

Di Lara Tomasetta
Pubblicato il 27 Lug. 2019 alle 15:51 Aggiornato il 28 Lug. 2019 alle 14:05
0
Immagine di copertina

Donne senza reggiseno: la giornata in solidarietà con Carola Rackete

L’hanno chiamata #freenipplesday ed è stata indetta per manifestare solidarietà alla capitana della Sea Watch 3, Carola Rackete: tutte le donne senza reggiseno.

La comandande che ha guidato la nave della Ong nel porto di Lampedusa era stata criticata per essersi presentata in Procura con una mise che metteva in evidenza il fatto che non indossasse il reggiseno.

donne senza reggiseno rackete

L’iniziativa è nata da un tam tam mediatico. “Rivendichiamo il diritto delle donne a vestirsi come vogliono senza essere demonizzate”, è lo slogan del giorno.

A Napoli, l’iniziativa è promossa dall’associazione Merida, impegnata contro la violenza di genere, nell’ambito delle manifestazioni di sostegno alla comandante della Sea Watch.

donne senza reggiseno rackete

“Sfrontatezza politica e sfrontatezza personale. Carola Rackete, che fonti tedesche riferiscono essere tornata in Germania subito dopo l’interrogatorio ad Agrigento, giovedì si è presentata in Procura con il sorriso stampato sul volto, accompagnata dai suoi legali. Non paga di nuove sprezzanti dichiarazioni contro Matteo Salvini (che ha querelato) e il governo italiano, la 31enne capitana della Sea Watch indagata per favoreggiamento di immigrazione clandestina per lo sbarco effettuato a fine giugno a Lampedusa ha sfoggiato una maglietta aderente nera a metà tra il marinaretto e il kombat, in perfetto stile Ong”, si leggeva sul quotidiano Libero.

donne senza reggiseno rackete
ANSA / CIRO FUSCO

Parole altamente criticabili che hanno sollevato l’ondata di polemiche.

E quindi oggi le donne senza reggiseno:, che si vada al mare, al lavoro o a fare shopping.

Tutte le donne di tutto il mondo sono invitate ad aderire, per trasmettere un messaggio forte e chiaro: non mettere il reggiseno è una scelta personale, che non ha nulla di scandaloso o contestabile.

“Siamo rimaste sconvolte e sconfortate. Abbiamo deciso di muoverci e organizzare qualcosa che però non doveva essere violenta ma spontanea e naturale, come lo è non indossare il reggiseno. Una scelta che ogni donna può fare, non c’è scandalo e non c’è volgarità”, spiegano a Repubblica le promotrici del #freenipplesday. L’iniziativa vuole essere un modo “per dire che non ci importa dei tentativi di spostare l’attenzione, e che oggi siamo consapevoli che il dissenso diventa torto per la veemenza con cui si incita all’odio, facendo appiglio sul senso comune”.

donne senza reggiseno rackete

ANSA / CIRO FUSCO

Sea Watch, Carola Rackete in tribunale: “Ho spiegato tutto, l’Ue deve farsi carico dei profughi”

Anche gli uomini sono invitati a partecipare: “Sì, cari uomini, in quel giorno anche voi potrete sentirvi liberi di non indossare quello stretto e scomodo strumento e tuttavia potervi esprimere senza essere giudicati. Rivendichiamo la necessità di un dibattito fondato su argomenti concreti e contestualmente denunciamo l’ennesimo atto di prevaricazione sul corpo femminile”, ribattono le donne del Nipple Day.

0
Accesso

Se non ricordi la tua password o in precedenza usavi un account social (Facebook, Google) per accedere, richiedi una nuova password.