Banner donazione
Ultimo aggiornamento ore 06:14
Immagine autore
Lucarelli
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Di Battista
Home » News

Di Maio: “Assurda la revoca della scorta a Ruotolo, mi informerò”

Immagine di copertina

“Per me è una cosa assurda la revoca della scorta a Sandro Ruotolo”. A dirlo è Luigi Di Maio, che ha commentato la decisione del Viminale. Di Maio ha fatto sapere che chiederà maggiori informazioni sul caso.

“Se non ci sono rischi per Sandro non devo dirlo io, ma i tecnici. Se invece è stata fatta una scelta imprudente, allora merita una scorta perché è uno dei giornalisti di questa terra che si è battuto per la lotta alla criminalità organizzata e camorra”.

A dare la notizia della revoca della scorta era stato l’ex ministro della Giustizia Andrea Orlando, alludendo al fatto che il giornalista, da sempre impegnato in inchieste contro la mafia, si era occupato della “Bestia”, la macchina della propaganda di Matteo Salvini.

Anche un altro esponenente del Movimento Cinque Stelle, il presidente della Camera Roberto Fico, era intervenuto sulla questione. “Mi fido delle nostre istituzioni. Sul caso della scorta di Sandro Ruotolo verranno fatti approfondimenti”.

Al fianco di Sandro Ruotolo si era schierato anche il procuratore nazionale antimafia Federico Cafiero De Raho: “Pensate ai giornalisti che subiscono le minacce, come Sandro Ruotolo e tanti altri: su di loro incombe il pericolo e il rischio della loro incolumità. Da noi deve partire un’azione di condivisione, di aiuto, di sostegno. È necessario che ciascuno si senta effettivamente protetto e che abbia una rete attorno”, ha detto.

Sandro Ruotolo, 63 anni, ha lavorato con Michele Santoro a diversi programmi di approfondimento televisivi. Nel 2009, in corrispondenza di un’inchiesta sui rapporti tra mafia e Stato e dopo aver intervistato Massimo Ciancimino, riceve una lettera minatoria in cui viene minacciato di morte. Era sotto scorta da maggio del 2015, dopo aver ricevuto minacce da Michele Zagaria, boss dei Casalesi, a causa delle sue inchieste sul traffico di rifiuti tossici in Campania. Tra le sue ultime inchieste, quella sulla strage di Bologna e sulla P2 di Licio Gelli, oltre a quella sulla gestione dei rifiuti in Campania.

Ti potrebbe interessare
Esteri / Bernie Madoff e lo schema Ponzi: muore a 82 anni il più grande truffatore della storia americana
News / L’italiana Alessandra Galloni sarà la prima donna a dirigere l’agenzia Reuters in 170 anni di storia
Economia / I giovani lanciano gli Stati Generazionali: “Diamo voce a chi voce non ha”
Ti potrebbe interessare
Esteri / Bernie Madoff e lo schema Ponzi: muore a 82 anni il più grande truffatore della storia americana
News / L’italiana Alessandra Galloni sarà la prima donna a dirigere l’agenzia Reuters in 170 anni di storia
Economia / I giovani lanciano gli Stati Generazionali: “Diamo voce a chi voce non ha”
News / In difesa dello “stupratore razzista Montanelli” (di Luca Telese)
News / Dillo con una poesia: oggi è la Giornata Mondiale della Poesia e questi versi vi faranno bene all’anima
News / Notizie di oggi: l'agenda quotidiana di TPI
News / Notizie di oggi: l'agenda quotidiana di TPI
News / Notizie di oggi: l'agenda quotidiana di TPI
News / Notizie di oggi: l'agenda quotidiana di TPI
News / Notizie di oggi: l'agenda quotidiana di TPI