Banner donazione
Ultimo aggiornamento ore 10:35
Immagine autore
Lucarelli
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Di Battista
Home » News

Cosa succede quando smettiamo di mangiare carne

Immagine di copertina

Esistono quattro benefici, forse non particolarmente noti, che si riscontrano quando eliminiamo la carne dalla nostra alimentazione

Sono diverse le ragioni che portano le persone a scegliere di non mangiare più la carne. Queste includono la volontà di perdere peso ed essere in forma, il timore di contrarre malattie cardiache o il cancro, ma anche ragioni di rispetto dell’ambiente e del mondo animale.

A questa scelta compiuta da molti ha probabilmente influito la decisione dell’Organizzazione mondiale della Sanità di inserire, nel 2015, le carni lavorate tra gli alimenti cancerogeni.

Sono però molti quelli che decidono di optare per una dieta vegetariana senza tuttavia essere pronti – a livello fisico e mentale – per questo stile alimentare e che, per questa ragione, decidono presto di abbandonarlo (soprattutto negli Stati Uniti).

In ogni caso, esistono quattro benefici – forse non particolarmente noti – che si si riscontrano quando eliminiamo la carne dalla nostra alimentazione.

1. Ridurre il livello di infiammazione nel nostro corpo

Quando mangiamo cibi come la carne e il formaggio, che hanno avuto una forte trasformazione rispetto al loro stato grezzo, è molto probabile che i livelli di infiammazione nel nostro corpo aumentino.

L’infiammazione è un processo che avviene nel nostro corpo in maniera del tutto naturale, e che risulta anche necessaria al fine di proteggere il nostro organismo dopo una malattia. Allo stesso tempo, però, un’infiammazione che dura mesi o anni può diventare un problema. Quest’ultimo tipo di infiammazione è favorito da alimenti processati tra cui la carne. Le verdure, invece, dal momento che contengono in genere fibre e antiossidanti, sono generalmente considerate ottime contro le infiammazioni.

A ottobre 2015 l‘Organizzazione mondiale della sanità ha inserito le carni processate all’interno delle sostanze cancerogene e ha definito la carne rossa come probabilmente cancerogena 

2. Ridurre il livello di colesterolo nel sangue

Un alto livello di colesterolo nel sangue può favorire le malattie cardiache e ictus, due cause di morte molto diffuse soprattutto negli Stati Uniti d’America. Le persone che eliminano la carne dalla propria alimentazione vedono i loro livelli di colesterolo scendere fino al 35 per cento.

Negli Stati Uniti, l’84 per cento delle persone che scelgono l’alimentazione vegetariana torna a mangiare carne

3. Favorire il nostro microbioma

Nel nostro organismo vivono migliaia di miliardi di microorganismi che rappresentano il cosiddetto microbioma. Questi microorganismi sono considerati molto importanti per la salute del nostro corpo, dal momento che fungono da alleati per il nostro sistema immunitario, soprattutto contro il diabete, le malattie autoimmuni e le infiammazioni dell’intestino. Un’alimentazione a base di vegetali favorisce la nascita di questi microorganismi. Cibi a base di latte, come il formaggio, e poveri di fibre, come la carne, invece, favoriscono la diffusione di batteri portatori di malattie.

— Perché mangiare la carne non è pericoloso quanto fumare. Alcune cose utili da sapere sul rapporto tra carni lavorate e cancro, e le differenze sostanziali con il fumo

4. Rendere più forti i nostri geni

La scienza ha dimostrato che il nostro stile di vita influisce considerevolmente sui nostri geni. Un’alimentazione a base di alimenti antiossidanti – come le verdure – può diminuire i geni che sono espressione del cancro e rendere più rapido l’invecchiamento dei nostri geni.

Ti potrebbe interessare
Esteri / Bernie Madoff e lo schema Ponzi: muore a 82 anni il più grande truffatore della storia americana
News / L’italiana Alessandra Galloni sarà la prima donna a dirigere l’agenzia Reuters in 170 anni di storia
Economia / I giovani lanciano gli Stati Generazionali: “Diamo voce a chi voce non ha”
Ti potrebbe interessare
Esteri / Bernie Madoff e lo schema Ponzi: muore a 82 anni il più grande truffatore della storia americana
News / L’italiana Alessandra Galloni sarà la prima donna a dirigere l’agenzia Reuters in 170 anni di storia
Economia / I giovani lanciano gli Stati Generazionali: “Diamo voce a chi voce non ha”
News / In difesa dello “stupratore razzista Montanelli” (di Luca Telese)
News / Dillo con una poesia: oggi è la Giornata Mondiale della Poesia e questi versi vi faranno bene all’anima
News / Notizie di oggi: l'agenda quotidiana di TPI
News / Notizie di oggi: l'agenda quotidiana di TPI
News / Notizie di oggi: l'agenda quotidiana di TPI
News / Notizie di oggi: l'agenda quotidiana di TPI
News / Notizie di oggi: l'agenda quotidiana di TPI