Covid ultime 24h
casi +20.709
deceduti +684
tamponi +207.143
terapie intensive -47

Cori razzisti contro un giocatore di basket: “Zingaro di m****”, la reazione della squadra

Di Laura Melissari
Pubblicato il 25 Feb. 2019 alle 13:06
0
Immagine di copertina

Il razzismo è arrivato anche sui campi da basket. A Catanzaro grande scalpore ha fatto una partita di basket in cui uno dei giocatori è stato insultato dagli avversari. “Slavo e zingaro di m*****”, gli hanno urlato dagli spalti.

I compagni di squadra non si sono lasciati intimorire dai cori razzisti e hanno reagito lasciando la partita per solidarietà al compagno.

Il giocatore vittima degli insulti è Nikola Markovic, che gioca nella Mastria Vending Virtus Under 18 di Catanzaro. Dall’altra parte del campo la squadra del Cus di Bari.

L’episodio razzista si è verificato nel campionato di Eccellenza under 18.

“I campioncini baresi anziché marcare la forte ala giallorossa con tecnica ed agonismo, hanno adottato la scelta dell’insulto razzista in continuo. Zingaro e slavo di mer…i più ricorrenti”, ha scritto la società sportiva di Catanzaro su Facebook.

L’arbitro non ha interrotto la partita, nonostante gli insulti ripetuti e continui. Anzi, come denuncia la società, è stato lo stesso Markovic a essere espulso, perché “reo di aver protestato contro la condotta razzista dei giovani eroi biancorossi”.

I suoi compagni hanno deciso allora di reagire, uscendo insieme a lui dopo l’espulsione. Solidarietà anche dall’allenatore e dai tecnici della squadra catanzarese. Il Cus di Bari si è difeso dicendo che solo un giocatore si è reso protagonista degli insulti razzisti, e che sarà escluso dalle prossime gare di campionato.

A denunciare l’episodio anche il sindaco della città Sergio Abramo, il presidente del Consiglio comunale, Marco Polimeni, e la deputata Wanda Ferro: “Alla prossima partita saremo sugli spalti a sostegno dei ragazzi della Mastria”.

“Ovviamente, per solidarietà a Nicola dopo l’espulsione, ancorché mancassero 40’’, i compagni hanno smesso di giocare, così mettendo in risalto la gravità dell’accaduto e la pari deprecabile condotta degli arbitri baresi”, ha scritto ancora la società sportiva.

0
Accesso

Se non ricordi la tua password o in precedenza usavi un account social (Facebook, Google) per accedere, richiedi una nuova password.