Covid ultime 24h
casi +24.099
deceduti +814
tamponi +212.714
terapie intensive -30

Bolzaneto, la Corte europea condanna l’Italia per tortura

L'organo europeo ha condannato l’Italia per le azioni dei membri delle forze dell’ordine durante i fatti del G8 a Genova nel 2001

Di Lara Tomasetta
Pubblicato il 26 Ott. 2017 alle 10:56 Aggiornato il 28 Ott. 2017 alle 13:39
0
Immagine di copertina

La Corte europea dei diritti umani ha stabilito che gli atti commessi dalle forze dell’ordine a Bolzaneto nei giorni del G8 del 2001 sono atti di tortura.

L’organo europeo ha condannato l’Italia per le azioni dei membri delle forze dell’ordine e perché lo stato non ha condotto un’indagine efficace.

I giudici hanno riconosciuto ai ricorrenti il diritto a ricevere tra 10mila e 85mila euro a testa per i danni morali.

Sessantacinque cittadini, sia italiani che stranieri, hanno fatto ricorso alla Corte europea dei diritti umani. Ricorsi in cui si sostiene che l’Italia ha violato il loro diritto a non essere sottoposti a maltrattamenti e tortura e si denuncia l’inefficacia dell’inchiesta penale sui fatti di Bolzaneto.

Dal 19 al 22 luglio del 2001 si svolse a Genova, in Italia, il G8, il vertice fra i capi di governo dei maggiori paesi industrializzati al mondo. Durante le quattro giornate dell’incontro, la città divenne teatro di manifestazioni che videro protagonisti diverse associazioni pacifiste e membri del movimento no-global, contrario al fenomeno della cosiddetta globalizzazione.

Le proteste sfociarono spesso in accesi scontri tra i manifestanti e le forze dell’ordine. In uno di questi, il manifestante e anarchico italiano Carlo Giuliani, di 23 anni, rimase ucciso da un colpo di pistola del carabiniere ausiliare Mario Placanica, allora ventenne.

0
Accesso

Se non ricordi la tua password o in precedenza usavi un account social (Facebook, Google) per accedere, richiedi una nuova password.