Icona app
Leggi TPI direttamente dalla nostra app: facile, veloce e senza pubblicità
Installa
Banner abbonamento
Ultimo aggiornamento ore 15:25
Immagine autore
Lucarelli
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Di Battista
Home » News

Il Cioccolato di Modica conquista la certificazione Igp: è il primo in Europa

Immagine di copertina

Un riconoscimento all'Italia, ma soprattutto a una 'dolce tradizione' tramandata sino a oggi

Il primo cioccolato ad essere protetto da una certificazione dell’Unione Europea è italiano. Per il Cioccolato di Modica è infatti arrivato il bollino Igp, acronimo di Indicazione Geografica Protetta. Un riconoscimento che sottolinea la bontà e la qualità del prodotto, ma soprattutto il forte legame con la terra in cui è prodotto ormai da secoli: Modica, in provincia di Ragusa.

Quello di Modica non è un cioccolato qualsiasi. A renderlo unico sono i piccoli particolari, elencati con cura nel comunicato del Mipaaft (Ministero Politiche agricole, forestali e del turismo).

La forma della tavoletta “deve essere a parallelepipedo rettangolare con i lati rastremati a tronco di piramide”, il peso poi non deve superare i 100gr, mentre la pasta deve essere di colore marrone e granulosa. E poi la famosa lavorazione a freddo, senza la quale, la tipica granulosità non si riuscirebbe ad ottenere.

Per gli ingredienti la questione è semplice: sono gli stessi da secoli, pochi e semplici. Pasta amara di cacao dalla metà fino al 99% del prodotto e zucchero di canna dal 50 all’1%. Non è esclusa la possibilità di aggiungere qualche spezia e un pizzico di sale.

La reputazione acquisita da questo prodotto nel tempo è legata anche alla peculiarità del processo produttivo.

La produzione richiede buona dose di manualità e di competenze specifiche, con l’utilizzo di maestranze abili ed esperte nelle operazioni di dosaggio degli ingredienti, nel controllo delle temperature di lavorazione della pasta, nell’amalgama degli ingredienti e nelle operazioni di battitura.

Competenze che si acquisiscono solo in una delle tante piccole aziende che operano in quello che è stato definito come il “distretto del cioccolato modicano”. Aziende che, come sottolineato anche dal Mipaaft, “rappresentano anche un’importante occasione di lavoro per la popolazione locale”.

Grazie a Modica e al suo cioccolato, salgono a 296 le Dop e Igp italiane registrate in ambito comunitario. “Si è consolidato ulteriormente – scrive il mipaaft – il primato che il nostro Paese detiene da anni per i prodotti agroalimentari di qualità”.

Ti potrebbe interessare
Esteri / Bernie Madoff e lo schema Ponzi: muore a 82 anni il più grande truffatore della storia americana
News / L’italiana Alessandra Galloni sarà la prima donna a dirigere l’agenzia Reuters in 170 anni di storia
Economia / I giovani lanciano gli Stati Generazionali: “Diamo voce a chi voce non ha”
Ti potrebbe interessare
Esteri / Bernie Madoff e lo schema Ponzi: muore a 82 anni il più grande truffatore della storia americana
News / L’italiana Alessandra Galloni sarà la prima donna a dirigere l’agenzia Reuters in 170 anni di storia
Economia / I giovani lanciano gli Stati Generazionali: “Diamo voce a chi voce non ha”
News / In difesa dello “stupratore razzista Montanelli” (di Luca Telese)
News / Dillo con una poesia: oggi è la Giornata Mondiale della Poesia e questi versi vi faranno bene all’anima
News / Notizie di oggi: l'agenda quotidiana di TPI
News / Notizie di oggi: l'agenda quotidiana di TPI
News / Notizie di oggi: l'agenda quotidiana di TPI
News / Notizie di oggi: l'agenda quotidiana di TPI
News / Notizie di oggi: l'agenda quotidiana di TPI