Banner donazione
Ultimo aggiornamento ore 09:09
Immagine autore
Lucarelli
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Di Battista
Home » News

Negozi chiusi domenica, Cobas: “Ennesima promessa mancata di questo governo”

Immagine di copertina

Lega e Movimento 5 Stelle hanno raggiunto un accordo sulla chiusura domenicale dei negozi: la maggioranza ha deciso che gli esercizi commerciali potranno restare aperti per la metà delle domeniche, ossia 26 su 52 totali.

Il piano prevede anche la chiusura in occasione delle 12 festività nazionali, ma sono concesse deroghe per un massimo di 4 giorni di apertura da stabilire su base regionale.

In sintesi, i negozi possono lavorare 26 domeniche su 52 su tutto il territorio nazionale. Previste deroghe per le località turistiche e i centri storici e sarà dato potere decisionale alle Regioni.

Leggi anche: Negozi chiusi domenica e festivi: arrivano le nuove regole

Il divieto, per esempio, non si applica invece ai negozi presenti nei centri storici: le attività commerciali hanno il permesso di restare aperti tutte le domeniche, tranne nei giorni festivi.

L’accordo raggiungo dal governo non soddisfa in alcun modo le richieste del sindacato Cobas nazionale, che con il suo portavoce Francesco Iacovone annuncia:

“Mario Monti ha fatto un decreto in quattro e quattr’otto che ha portato un intero settore all’inferno e il Governo del cambiamento ha partorito una proposta in commissione alla Camera che di fatto protegge lo strapotere delle multinazionali del commercio che stanno mettendo sul piatto tutto il loro peso specifico”.

“Luigi di Maio faccia una dichiarazione sulle sue vere intenzioni– prosegue il rappresentante sindacale – perché le sue promesse me le ha fatte viso a viso e le hanno ascoltate milioni di lavoratori del settore, che si ritrovano a dover lavorare di sicuro le 26 domeniche già previste dal contratto nazionale e saranno sottoposti all’arbitrarietà delle Regioni e dei Comuni che faranno la corsa a dichiararsi di interesse turistico”.

“La proposta ora dovrà passare tutto l’iter parlamentare e non ho dubbi sul fatto che sarà ancora modificata in pejus. Insomma, l’ennesima promessa mancata di un governo che di promesse ne ha già tradite troppe”.

“Le liberalizzazioni non hanno dato nessun valore aggiunto alla nostra economia, siamo in recessione, i dati del commercio ci dicono chiaramente che il commercio non sta migliorando le proprie performance. La realtà, quella vera, è che gli acquisti li spingono i redditi dei cittadini ma i redditi dei cittadini stanno regredendo paurosamente”.

Leggi anche: Negozi chiusi la domenica: le proposte di legge e le polemiche, Italia divisa tra favorevoli e contrari

Ti potrebbe interessare
Esteri / Bernie Madoff e lo schema Ponzi: muore a 82 anni il più grande truffatore della storia americana
News / L’italiana Alessandra Galloni sarà la prima donna a dirigere l’agenzia Reuters in 170 anni di storia
Economia / I giovani lanciano gli Stati Generazionali: “Diamo voce a chi voce non ha”
Ti potrebbe interessare
Esteri / Bernie Madoff e lo schema Ponzi: muore a 82 anni il più grande truffatore della storia americana
News / L’italiana Alessandra Galloni sarà la prima donna a dirigere l’agenzia Reuters in 170 anni di storia
Economia / I giovani lanciano gli Stati Generazionali: “Diamo voce a chi voce non ha”
News / In difesa dello “stupratore razzista Montanelli” (di Luca Telese)
News / Dillo con una poesia: oggi è la Giornata Mondiale della Poesia e questi versi vi faranno bene all’anima
News / Notizie di oggi: l'agenda quotidiana di TPI
News / Notizie di oggi: l'agenda quotidiana di TPI
News / Notizie di oggi: l'agenda quotidiana di TPI
News / Notizie di oggi: l'agenda quotidiana di TPI
News / Notizie di oggi: l'agenda quotidiana di TPI