Icona app
Leggi TPI direttamente dalla nostra app: facile, veloce e senza pubblicità
Installa
Banner abbonamento
Ultimo aggiornamento ore 19:44
Immagine autore
Lucarelli
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Di Battista
Home » News

Alla Camera caffè più caro per i deputati: ecco quanto pagano ora

Immagine di copertina

Rincari alla buvette di Montecitorio. Dal 1° gennaio 2019 per i frequentatori del bar della Camera, il punto di ristoro al piano Aula aperto, oltre che ai deputati, a funzionari e giornalisti, il prezzo della tazzina è aumentato di 10 centesimi: da 90 cent del 2018 a un euro.

Rincari anche per i panini, per le pizze farcite, per il piatto di frutta (salito da 2 euro a 2,20), per un classico come i supplì, e i tramezzini (che oggi costano 3,25 invece di 3 euro). L’aumento medio è del 10% circa rispetto al passato.

Conti più salati anche per i dipendenti. Al bar al piano terra del Palazzo, hanno notato gli avventori abituali, il costo di una tazza di thè è lievitato del 65%, da un euro a 1,65, anche se la qualità del prodotto – viene fatto notare – è aumentata rispetto al passato così come la possibilità di scegliere la bustina più gradita.

Da gennaio è infatti una nuova società – la Cir Food, cooperativa italiana di ristorazione – a gestire il servizio di ristorazione e di distribuzione pasti, vincitrice del bando di gara indetto nella scorsa legislatura, e anche di un ricorso presentato da un altro concorrente.

L’appalto, di durata quadriennale, comprende oltre alla gestione della buvette, del bar, della mensa e del ristorante, anche i “servizi di catering e banqueting su richiesta specifica dell’Amministrazione”, il servizio di pulizia dei locali, degli arredi, delle attrezzature e delle stoviglie e “le attività di igienizzazione, disinfestazione e di derattizzazione”, nonché la raccolta e la gestione dei rifiuti, la manutenzione e il rifornimento delle macchinette da caffà espresso a cialde e dei distributori automatici che si trovano nel palazzo.

La nuova società, inoltre, ha ottemperato anche all’onere di riassumere tutti i dipendenti della vecchia gestione, una quarantina di persone in tutto, che rischiavano di perdere il posto di lavoro.

“L’altra notizia positiva è che se da un lato salgono i prezzi del listino, dall’altro, alla voce ristorazione, aumentano i risparmi per le casse di Montecitorio” spiega Gregorio Fontana, Questore anziano della Camera: dai 4,573 milioni di euro del 2013 si + passati ai 2,291 milioni di oggi, con un abbattimento della spesa del 50% in pochi anni.

Ti potrebbe interessare
Esteri / Bernie Madoff e lo schema Ponzi: muore a 82 anni il più grande truffatore della storia americana
News / L’italiana Alessandra Galloni sarà la prima donna a dirigere l’agenzia Reuters in 170 anni di storia
Economia / I giovani lanciano gli Stati Generazionali: “Diamo voce a chi voce non ha”
Ti potrebbe interessare
Esteri / Bernie Madoff e lo schema Ponzi: muore a 82 anni il più grande truffatore della storia americana
News / L’italiana Alessandra Galloni sarà la prima donna a dirigere l’agenzia Reuters in 170 anni di storia
Economia / I giovani lanciano gli Stati Generazionali: “Diamo voce a chi voce non ha”
News / In difesa dello “stupratore razzista Montanelli” (di Luca Telese)
News / Dillo con una poesia: oggi è la Giornata Mondiale della Poesia e questi versi vi faranno bene all’anima
News / Notizie di oggi: l'agenda quotidiana di TPI
News / Notizie di oggi: l'agenda quotidiana di TPI
News / Notizie di oggi: l'agenda quotidiana di TPI
News / Notizie di oggi: l'agenda quotidiana di TPI
News / Notizie di oggi: l'agenda quotidiana di TPI