Beppe Grillo insulta la Calabria e i calabresi

Di Marco Nepi
Pubblicato il 13 Mar. 2019 alle 15:09 Aggiornato il 13 Mar. 2019 alle 15:10
0
Immagine di copertina

“La Calabria è una terra strana”. Il motivo? Lo ha spiegato Beppe Grillo all’inizio del suo spettacolo Insomnia al Teatro Politeama di Catanzaro: “È la regione che ha fatto meno domande per il reddito di cittadinanza“.

Eppure in Calabria “c’è il paese più povero d’Italia, che si chiama Dinami” e “a Dinami non è stata presentata nemmeno una domanda di reddito di cittadinanza”. E allora, chiosa Grillo, “non rompetemi più i coglioni perché”, è la deduzione del garante M5s, “o lavorate in nero o siete tutti della ‘ndrangheta”.

Il day after, ecco la bufera contro il comico genovese. A partire all’attacco è Marco Siclari, senatore di Forza Italia: “Non si possono offendere tutti in Calabria per i maledetti delinquenti calabresi che sono sempre meno grazie alla magistratura. Grillo ha superato ogni limite ed ancora una volta confonde i ruoli”.

“Non può fare il comico”, aggiunge, “violentando la dignità di milioni di calabresi. Grillo rappresenta un movimento politico che è al governo e non può permettersi di etichettare i cittadini calabresi, anziani, giovani incensurati e neonati come ‘ndranghetisti per sillogismo o soltanto perché nati in Calabria”.

Ancora più dure le parole di Francesco Mingrone, segretario generale della Cisl Magna Graecia, che definisce quella di Grillo “un’offesa grave e pesante”.

“Ha oltrepassato il limite. Le sue parole sono un pugno allo stomaco. Per i calabresi e per le tante famiglie che fanno fatica ad arrivare a fine mese. Per i nostri giovani. Per i nostri padri. Per i nostri figli. L’exploit del comico che, più che il comico fa il politico o il politico/comico, è un’offesa”.

“Grillo”, continua il sindacalista, “deve decidere cosa fare da grande. Il comico, il politico, il fomentatore delle masse? Qualunque sia la sua scelta, la Calabria seria e onesta non merita le sue offese. Le sue denigrazioni. Le sue accuse”.

0
Accesso

Se non ricordi la tua password o in precedenza usavi un account social (Facebook, Google) per accedere, richiedi una nuova password.