Covid ultime 24h
casi +31.084
deceduti +199
tamponi +215.085
terapie intensive +95

La polemica tra Libero e Barbara Berlusconi: “Ha tradito il padre”

Duro botta e risposta dopo che la figlia dell'ex premier ha scritto una lettera a Il Fatto per commentare il caso della Supercoppa italiana in Arabia Saudita

Di Enrico Mingori
Pubblicato il 7 Gen. 2019 alle 12:01
0
Immagine di copertina
Barbara Berlusconi è stata ad del Milan tra il 2014 e il 2017. Credit: AFP PHOTO / GIUSEPPE CACACE

È polemica tra Barbara Berlusconi e il quotidiano Libero. Lo scontro si è aperto dopo che la figlia dell’ex presidente del Consiglio ha scritto una lettera al Fatto Quotidiano per commentare il caso della Supercoppa italiana di calcio in Arabia Saudita.

Renato Farina, giornalista di Libero, ha accusato Barbara di aver tradito il padre, essendosi rivolta a un giornale, il Fatto, storicamente nemico di Berlusconi. La figlia dell’ex premier, ha risposto per le rime con una dura lettera contro Libero.

Andiamo con ordine. Il 4 gennaio 2019 il Fatto Quotidiano ha pubblicato una lettera firmata da Barbara Berlusconi. La manager, ex amministratrice delegata del Milan, ha sviluppato una riflessione sulla vicenda della Supercoppa italiana che si disputerà in Arabia Saudita, paese dove i diritti delle donne sono fortemente limitati.

“Gentile direttore, da donna penso che questa partita non doveva essere organizzata in un paese in cui non c’è rispetto per la condizione femminile. La storia però ci ha insegnato, penso alle Olimpiadi, che boicottare eventi sportivi oramai previsti non è stato mai utile. Per questo ritengo che la partita possa essere un’occasione per accendere un faro ulteriore su quello che accade in molti paesi islamici e che possa essere di aiuto anche per iniziare ad abbattere tradizioni e divieti non più tollerabili”, ha scritto la figlia di Berlusconi.

Certo, aggiunge Barbara, “stupisce vedere che quasi tutti i governi occidentali fanno finta di non vedere ciò che regolarmente accade sul tema dei diritti civili, non solo femminili. Solo al calcio è assegnato da sempre il compito di salvare il mondo. In questo trovo molta ipocrisia”.

Dopo questa lettera Barbara Berlusconi è stata duramente attaccata da Libero, giornale storicamente vicino al leader di Forza Italia, non tanto per il contenuto della sua riflessione quanto piuttosto per il fatto di aver inviato il commento al Fatto.

Il giornale diretto da Vittorio Feltri il 5 gennaio è uscito con un articolo intitolato “Altra velina ingrata: Silvio tradito da Barbara”. Nell’articolo la vicenda viene paragonata alla famosa lettera inviata nel 2009 a Repubblica dall’allora moglie di Berlusconi, Veronica Lario.

“Stoltezza o vendetta? Siccome non crediamo che la ragazza, ormai matura, sia una cretina, propendiamo per la seconda ipotesi”, ha scritto il giornalista di Libero Renato Farina.

Attaccata, la figlia di Berlusconi ha voluto replica. Il 6 gennaio Libero ha pubblicato la lettera di risposta di Barbara: “Perché ho risposto a una domanda de Il Fatto Quotidiano seppur in forma di lettera? Perché è l’unico giornale che me l’ha chiesto”, ha spiegato la manager, rivolgendosi a Farina. “Semplice. Forse troppo semplice per Lei che vede intrighi laddove proprio non ci sono o perché forse ha visto troppi film di spionaggio”. Riferimento, quest’ultimo, che sembra non essere casuale, dati i precedenti giudiziari di Farina.

La figlia di Berlusconi ha poi attaccato il quotidiano, colpevole, secondo lei, di seguire una linea editoriale troppo dura nei confronto del padre.

Al che il giornalista Farina ha a sua volta replicato: “Le unghie che le erano cascate per vellicare chi dava e dà a suo padre del delinquente naturale colluso con la mafia, sono riuscito a fargliele ricrescere istantaneamente con due parolette”, scrive il giornalista. “Soprattutto le ho fatto esplodere in seno una formidabile sensibilità filiale. Magari le fosse fiorita in testa un paio di giorni prima, avrebbe evitato di esporre il padre al ridicolo, flirtando con il giornale che lo vuole morto, o almeno in galera”.

0
Accesso

Se non ricordi la tua password o in precedenza usavi un account social (Facebook, Google) per accedere, richiedi una nuova password.