Icona app
Leggi TPI direttamente dalla nostra app: facile, veloce e senza pubblicità
Installa
Banner abbonamento
Ultimo aggiornamento ore 22:11
Immagine autore
Lucarelli
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Di Battista
Home » News

Farmaci da banco, aumentano i prezzi per 800 medicinali di fascia C. Ecco quali sono

Immagine di copertina

Le aziende farmaceutiche hanno aumentato il prezzo di quasi 800 farmaci da banco, sia generici che di marca. Gli aumenti in media si aggirano intorno a un +5,7 per cento. I farmaci, dagli ansiolitici ai medicinali per i dolori muscolari o le compresse di vitamina C. I rincari per i farmaci di fascia C entrano in vigore a partire da febbraio 2019.

L’aumento dei prezzi è possibile in ragione di un decreto legge del 2005 con cui fu stabilito che ogni due anni, negli anni dispari, le aziende farmaceutiche possono aumentare il prezzo dei farmaci con obbligo di ricetta non rimborsati dal Servizio sanitario nazionale. Il decreto 87/2005 prende il nome di “decreto Storace” dal nome dell’allora ministro della Salute.

Il prezzo dei medicinali senza obbligo di ricetta è invece stabilito da ciascuna farmacia indipendentemente, come spiega Federfarma.

I farmaci di fascia C sono quelli soggetti a prescrizione medica ma non rimborsabili dal Servizio sanitario nazionale. In Italia sono circa 3.740 i farmaci di questa categoria.

Il decreto 87/2005 al comma 3 recita: “Il prezzo dei medicinali appartenenti alle classi di cui alle lettere c) e c-bis) è stabilito dai titolari dell’autorizzazione all’immissione in commercio. Tale prezzo può essere modificato, in aumento, soltanto nel mese di gennaio di ogni anno dispari e, per i farmaci senza obbligo di prescrizione medica e per i farmaci di automedicazione, costituisce il prezzo massimo di vendita al pubblico”.

I rincari in arrivo a febbraio si aggirano intorno a un euro a confezione.

“Tra generici e prodotti branded sono 770 i farmaci interessati quest’anno dagli aumenti, che portano il prezzo medio a confezione (sui prodotti interessati dagli incrementi) da 15,58 a 16,47 euro. Ne consegue una differenza di 0,89 euro, che equivale a un aumento medio del 5,7 per cento sui prezzi di due anni fa”, spiega il direttore responsabile della testata Pharmacy Scanner, Alessandro Santoro.

Tra i medicinali più noti coinvolti vi sono Tachipirina, Fluimucil, Novalgina, Ansiolin, Gentamicina, Muscoril, Oki, Plasil, Toradol, Valium e Voltaren.

I farmaci con l’aumento più consistente sono Muscoril, che costerà 1,60 euro in più e il collirio Tobradex, 2 euro in più.

Qui un’infografica del Secolo XIX:

Ti potrebbe interessare
Esteri / Bernie Madoff e lo schema Ponzi: muore a 82 anni il più grande truffatore della storia americana
News / L’italiana Alessandra Galloni sarà la prima donna a dirigere l’agenzia Reuters in 170 anni di storia
Economia / I giovani lanciano gli Stati Generazionali: “Diamo voce a chi voce non ha”
Ti potrebbe interessare
Esteri / Bernie Madoff e lo schema Ponzi: muore a 82 anni il più grande truffatore della storia americana
News / L’italiana Alessandra Galloni sarà la prima donna a dirigere l’agenzia Reuters in 170 anni di storia
Economia / I giovani lanciano gli Stati Generazionali: “Diamo voce a chi voce non ha”
News / In difesa dello “stupratore razzista Montanelli” (di Luca Telese)
News / Dillo con una poesia: oggi è la Giornata Mondiale della Poesia e questi versi vi faranno bene all’anima
News / Notizie di oggi: l'agenda quotidiana di TPI
News / Notizie di oggi: l'agenda quotidiana di TPI
News / Notizie di oggi: l'agenda quotidiana di TPI
News / Notizie di oggi: l'agenda quotidiana di TPI
News / Notizie di oggi: l'agenda quotidiana di TPI