Banner donazione
Ultimo aggiornamento ore 13:08
Immagine autore
Lucarelli
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Di Battista
Home » News

Trenord, l’annuncio shock sul treno: “Zingari scendete alla prossima fermata perché avete rotto”

Immagine di copertina

L'azienda che gestisce il convoglio ha aperto un'indagine interna: "È un comportamento grave e inqualificabile"

“I passeggeri sono pregati di non dare monete ai molestatori. Scendete perché avete rotto. E nemmeno agli zingari: scendete alla prossima fermata, perché avete rotto i c…”. È questo il messaggio, letto da una voce femminile attraverso gli altoparlanti a bordo, che hanno ascoltato i passeggeri del treno regionale 2653, partito da Milano e diretto a Cremona e Mantova, martedì 7 agosto.

Sono stati proprio i viaggiatori a raccontare l’episodio sui social e a informare Trenord, l’azienda che gestisce il convoglio. Avviata un’indagine interna, l’autrice del gesto stata identificata: è la capotreno e ora rischia sanzioni che possono arrivare fino al licenziamento. L’azienda ritene il gesto “grave e inqualificabile” e ringrazia “il cliente per la segnalazione”.

In un primo momento, Trenord aveva sollevato la possibilità di una manomissione. “Il dispositivo da cui si lanciano quel tipo di avvisi non è in cabina e, attraverso una manomissione, può essere accessibile anche ai passeggeri”, si legge in una nota ufficiale.

È stato Raffaele Ariano, ricercatore dell’Università Vita-Salute San Raffaele, a denunciare su Facebook l’accaduto. “A parte lo stupore per la solerzia con cui la gente si sta accodando a questa nuova Italia giallo/verde, vi chiedo: secondo voi si può fare qualcosa? Sono abbastanza convinto che questo comportamento sia sanzionabile. Il controllore di un treno, ad esempio, è un pubblico ufficiale”.

“Si tratta di un linguaggio offensivo e discriminatorio, inaccettabile sulla bocca di un pubblico ufficiale in servizio e nel contesto di una azienda di trasporti finanziata coi soldi dei contribuenti. Credo che Trenord dovrebbe dissociarsi e chiedere scusa pubblicamente per l’accaduto”, ha proseguito.

Al Corriere della Sera, Ariano ha escluso la possibilità che si tratti di un sabotaggio: “Non era una voce registrata, ma di una persona abituata a fare annunci. Una voce femminile che stava parlando proprio in quel momento e si capiva che era un messaggio improvvisato. La mia impressione è che non fosse un sabotaggio, anche perché sono rimasto sullo stesso convoglio per altri trenta minuti e non c’è stata alcuna smentita o scuse per quello che era stato detto”.

“Non sono riuscito a registrare l’audio perché il messaggio è stato troppo veloce. La prima parte conteneva informazioni di servizio, anche se sembrava un po’ strano il richiamo a non dare monete ai molestatori. Poi in chiusura di comunicazione la frase sugli zingari”, ha spiegato al quotidiano di via Solferino.

“La presenza di persone di etnia rom o stranieri che chiedono soldi, succede da sempre su quella tratta. Ma non c’è mai stata alcuna reazione, al massimo il controllore che si arrabbia perché non hanno il biglietto. E magari, se sono immigrati, usano un po’ più di durezza, ma mai una cosa del genere”.

Per la sua denuncia pubblica, Ariano è stato insultato su Facebook. “Perché non ti sei offerto di pagare il biglietto a chi non l’ha fatto?”, è stato il commento di un utente.

“Ora hai ottenuto la popolarità che volevi. Quando ti rapineranno ricordati il tuo post e ricordati che per colpa del tuo buonismo forse una persona perderà il posto di lavoro” e “Sei ridicolo”, hanno scritto altri due. “Radical chic del cazzo, portali a casa tua i reietti”, si legge in un messaggio.

“Propongo una medaglia per il capotreno” e “Ci manca ora la maglietta a favore degli zingari e dei molestatori sui treni”, hanno polemizzato altri commentatori.

Ti potrebbe interessare
Esteri / Bernie Madoff e lo schema Ponzi: muore a 82 anni il più grande truffatore della storia americana
News / L’italiana Alessandra Galloni sarà la prima donna a dirigere l’agenzia Reuters in 170 anni di storia
Economia / I giovani lanciano gli Stati Generazionali: “Diamo voce a chi voce non ha”
Ti potrebbe interessare
Esteri / Bernie Madoff e lo schema Ponzi: muore a 82 anni il più grande truffatore della storia americana
News / L’italiana Alessandra Galloni sarà la prima donna a dirigere l’agenzia Reuters in 170 anni di storia
Economia / I giovani lanciano gli Stati Generazionali: “Diamo voce a chi voce non ha”
News / In difesa dello “stupratore razzista Montanelli” (di Luca Telese)
News / Dillo con una poesia: oggi è la Giornata Mondiale della Poesia e questi versi vi faranno bene all’anima
News / Notizie di oggi: l'agenda quotidiana di TPI
News / Notizie di oggi: l'agenda quotidiana di TPI
News / Notizie di oggi: l'agenda quotidiana di TPI
News / Notizie di oggi: l'agenda quotidiana di TPI
News / Notizie di oggi: l'agenda quotidiana di TPI