Covid ultime 24h
casi +21.273
deceduti +128
tamponi +182.032
terapie intensive +80

Ritorno ad Amatrice un mese dopo – VIDEO

Trentasei giorni dopo il sisma, Tiziano Rugi per TPI è tornato sui luoghi del disastro e ha intervistato il sindaco Sergio Pirozzi

Di TPI
Pubblicato il 3 Ott. 2016 alle 16:32
0
Immagine di copertina

Le vie del centro storico di Amatrice, completamente rase al suolo dal terremoto del 24 agosto, sono avvolte da un irreale silenzio.

Tiziano Rugi di TPI è entrato accompagnato dai vigili del fuoco nella zona rossa che delimita l’area in cui è vietato l’accesso ai civili.

Quella che un tempo era la via principale del paese è ora un cumulo di macerie, e i detriti a volte raggiungono l’altezza di un palazzo di due piani. In fondo svetta il campanile, malridotto, ma ancora in piedi.

Gli unici a camminare nella desolazione sono alcuni vigili del fuoco che tentano di recuperare gli oggetti personali dalle case che non sono crollate. L’odore di calcinacci è ancora penetrante dopo un mese e cinque giorni e le macerie sono ancora lì come una ferita aperta.

Il video di TPI con le immagini delle macerie un mese dopo il sisma e l’intervista al sindaco di Amatrice Sergio Pirozzi 

— Leggi anche: Amatrice un mese dopo: viaggio tra le macerie di un paese che vuole rinascere subito

0
Accesso

Se non ricordi la tua password o in precedenza usavi un account social (Facebook, Google) per accedere, richiedi una nuova password.