Banner donazione
Ultimo aggiornamento ore 19:36
Immagine autore
Lucarelli
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Di Battista
Home » Migranti

Global Compact, l’intervento anti-migranti di Giorgia Meloni spopola in Bulgaria | VIDEO

Giorgia Meloni contro il Global Compact. Il suo discorso in Parlamento contro il patto Onu sulle migrazioni è diventato “virale”… in Bulgaria.

“Senza radici, sei uno schiavo. E quando sei schiavo, servi gli interessi Soros” urla Giorgia Meloni dal suo scranno parlamentare. 

Lo definiscono un discorso “eccezionale”, soprattutto nel passaggio che mette nel mirino il magnate e “filantropo” ungherese: “Il patto di migrazione è ciò che è necessario per coloro che hanno utilizzato l’immigrazione clandestina negli ultimi decenni per applicare il suo grande piano per la speculazione finanziaria, privando le nazioni e i popoli della loro identità. Perché senza radici, sei uno schiavo e quando uno è schiavo, serve gli interessi di Soros”.

Giorgia Meloni, nel suo intervento, si rifà a quelli che ormai sono i suoi modelli in tema di politica estera: gli Stati Uniti di Trump e l’Austria di Kurz, che “si sono ritirati dall’accodo”. Perché, secondo la leader di Fratelli d’Italia, “la migrazione non è e non può essere un diritto umano fondamentale”.

Questo il livello del dibattito in Italia su un tema come quello delle migrazioni: luoghi comuni da destra che ripetono come un mantra il ruolo di George Soros come finanziatore occulto della “invasione migratoria”.

E non è un caso che uno degli esponenti del Movimento 5 stelle maggiormente favorevole alla firma del Global Compact, Giuseppe Brescia, presidente della commissione Affari Costituzionali della Camera, abbia indicato proprio nel comportamento e nelle parole di Giorgia Meloni l’ostacolo maggiore al dibattito, in Italia, di un tema così importante.

“C’è molta demagogia sull’argomento. Molta approssimazione” ha spiegato Brescia. “Chi parla del Global Compact non è informato sul contenuto dell’accordo approvato all’Onu”. Da qui la decisione, dopo aver “letto e studiato” il testo, di chiedere agli uffici della Camera di tradurre i 23 articoli del trattato e di consegnarli ai deputati.

“Non credo che Giorgia Meloni abbia letto e compreso il testo”. Perché “sono pretestuose le accuse di chi dice che se l’Italia aderirà all’accordo perderà sovranità sulle scelte future”.

Il riferimento è all’articolo 15 del Global Compact che “non solo ribadisce che ogni Paese è libero di attuare proprie politiche in materia di immigrazione” ma “entra nel dibattito dei flussi”. E “ogni decisione su questo tema resterà in capo all’Italia”.

Ti potrebbe interessare
Esteri / Un messaggio in bottiglia ha unito due adolescenti attraverso l’Oceano Atlantico, a distanza di 3 anni
Esteri / “Le guardie libiche violentano le minorenni nei centri di detenzione”
Esteri / Svezia, sfiduciato il governo per la prima volta. Scontro sulla legge per liberalizzare gli affitti
Ti potrebbe interessare
Esteri / Un messaggio in bottiglia ha unito due adolescenti attraverso l’Oceano Atlantico, a distanza di 3 anni
Esteri / “Le guardie libiche violentano le minorenni nei centri di detenzione”
Esteri / Svezia, sfiduciato il governo per la prima volta. Scontro sulla legge per liberalizzare gli affitti
Esteri / “L’Unione Europea ha un piano per tagliare le serie tv britanniche da Netflix e Amazon”
Esteri / Cina, il Covid non ferma il festival di Yulin: “Trucidati migliaia di cani”
Esteri / Quell’umanità in fuga tra macerie e ricordi
Esteri / Un “caso Floyd” in Europa: vittima un uomo di etnia Rom
Esteri / L'obbedienza agli Usa non è una virtù: vuol dire essere succubi del capitalismo finanziario (di A. Di Battista)
Esteri / Marina Usa fa esplodere ordigno da 18mila chili in mare. Lo spettacolare video
Esteri / Francia, la destra moderata vince il primo turno delle regionali. Deludono Le Pen e Macron