Van Gogh, il revolver con cui il pittore si suicidò messo all’asta

Di Maria Elena Gottarelli
Pubblicato il 4 Giu. 2019 alle 09:27 Aggiornato il 12 Set. 2019 alle 02:38
0
Immagine di copertina

Van Gogh revolver asta 

Arte e morte: Il revolver Lefaucheux con cui il grande pittore post-impressionista Vincent Van Gogh si sparò allo stomaco (o almeno così pare) sarà messo all’asta a Parigi il prossimo mercoledì 19 giugno da Auction Art presso l’hotel Drouot, nel pieno centro della capitale francese.

Per aggiudicarsi questo pezzo unico si partirà da una base tra i 40 mila e i 60 mila euro, ovviamente a salire.

La pistola di Van Gogh è un oggetto che affascina in molti, amanti e non dell’arte moderna, forse per il suo legame con il pittore, personaggio controverso e affetto da gravi disturbi mentali, forse per la sua storia rocambolesca.

Il revolver di Van Gogh fu infatti trovato da un contadino molti anni dopo la morte del pittore, nel 1965. L’arma arrugginita fu dissotterrata nel campo in cui Van Gogh fu trovato ferito il 27 luglio 1890, ad Auvers-sur-Oise (Val-d’Oise, a nord di Parigi).

In seguito al ritrovamento, il revolver calibro 7 millimetri subì diversi spostamenti fino ad approdare al Van Gogh Museum di Amsterdam nel 2016.

Pare che la sua completa autenticazione non sarà mai formalmente stabilita. Ciononostante, la provenienza dell’arma è stata giudicata attendibile dall’equipe di esperti del museo olandese.

La morte di Van Gogh, revolver | Un mistero mai risolto

Ma come morì Vincent Van Gogh? Si sparò davvero con quell’arma che oggi vale una fortuna? Per quanto sia difficile fornire una risposta univoca, quel che è certo è che la dinamica dalla morte del pittore tormentato è compatibile con il ritrovamento dell’arma negli anni Sessanta. 

Il basso calibro del revolver coincide infatti con il modo in cui Van Gogh perse la vita, cioè non sul colpo.

Nella nota di presentazione all’asta è menzionato il libro di Alain Rohan Abbiamo trovato la pistola del suicidio? pubblicato nel 2012.

Vi è tuttavia una versione alternativa della morte di Vincent Van Gogh. Secondo alcuni, il pittore olandese sarebbe stato colpito per errore da un colpo d’arma da fuoco sparato da due giovani che giocavano nel campo con il revolver.

Nell’incertezza, una cosa è priva di dubbio: quel revolver apparteneva proprio a Van Gogh.

Van Gogh – Sulla soglia dell’eternità: tutto quello che c’è da sapere sul film

Il mistero sulla ragione per cui Van Gogh si è tagliato l’orecchio

Dopo 128 anni emergono nuovi dettagli sull’orecchio mozzato di Van Gogh

0
Accesso

Se non ricordi la tua password o in precedenza usavi un account social (Facebook, Google) per accedere, richiedi una nuova password.