Covid ultime 24h
casi +10.497
deceduti +603
tamponi +254.070
terapie intensive -57

“È stato un parto”: le foto della tesi di laurea diventano virali sui social

Di Francesca Ceccarelli
Pubblicato il 10 Giu. 2019 alle 22:56 Aggiornato il 12 Set. 2019 alle 02:34
22
Immagine di copertina
Credit: Twitter/ Sarah Whelan Curtis

Tesi laurea parto foto | Nulla è paragonabile a partorire, o meglio, quasi nulla: la tesi di laurea per alcuni può diventare un travaglio lungo anni. Questo è quanto accaduto a Sarah Whelan Curtis, una dottoranda presso l’Emory University (Atlanta, Stati Uniti) che ha postato sul suo profilo Twitter le foto post-parto della sua “neonata” tesi di laurea.

Sarah ha speso quattro anni di duro lavoro per ultimare la sua dissertazione sull’epigenetica: un vero e proprio travaglio che, una volta concluso, la ragazza ha pensato bene di festeggiare in un modo davvero particolare.

Tesi parto foto
Credit: Twitter/ Sarah Whelan Curtis

Quale modo migliore per omaggiare questa “nascita” di un book di foto “post-parto” con tanto di copertina che avvolge il lavoro appena stampato? La laureanda ha così pubblicato sul suo profilo Twitter una foto in cui tiene la tesi fra le braccia, guardandola con amore: maternità sui generis.

Tesi parto twitter
Credit: Twitter/ Sarah Whelan Curtis

Nemmeno a dirlo in pochi giorni le foto sono diventate virali catturando l’attenzione di oltre 330.000 utenti. Puntuali, sono poi arrivate le imitazioni: molte utenti hanno infatti postato foto simili, sfoggiando i loro “parti” universitari.

Molte persone invece hanno semplicemente trovato le foto decisamente divertenti, offrendo i loro consigli su come diventare genitori. “È veramente carina”, “Goditi questi momenti perché poi ci saranno citazioni dappertutto”, ha scherzato qualcuno.

Dai Simpson a Friends: con Ikea ora puoi ricreare a casa tua i salotti delle serie tv più famose

Arriva Fenty, il nuovo marchio di moda firmato da Rihanna

22
Accesso

Se non ricordi la tua password o in precedenza usavi un account social (Facebook, Google) per accedere, richiedi una nuova password.